Vittima di pedofilia, accoltella il suo carnefice

Pordenone: vittima di pedofilia accoltella il suo orco

A distanza di anni ha deciso di vendicarsi di quell'orco che aveva reso la sua vita un incubo.

Sembra essere stata la fame di vendetta ad avere mosso la mano del 23enne che ha accoltellato il suo presunto molestatore di 48 anni a San Vito al Tagliamento (Pordenone).

L'accoltellamento è avvenuto nella casa del presunto pedofilo che, poco prima di perdere conoscenza, è riuscito a indicare, al personale di soccorso e ai carabinieri, l'identità del suo aggressore che già conosceva. Dopo l'aggressione il 23enne si è presentato ai carabinieri ai quali ha confessato l'accaduto: è in stato di fermo per tentato omicidio.

Il professionista alcuni anni fa avrebbe dato ospitalità al ragazzo fino a quando la madre del giovane lo aveva accusato di episodi di molestie sessuali verso il figlio.

Nei computer dell'uomo erano state trovate immagini pedopornografiche di cui, però, il medico aveva sempre negato la paternità.

Sarebbe stato a lungo vittima di episodi di pedofilia.

L'uomo aggredito è stato ferito con un coltello alla schiena ed è stato ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di San Vito, dove è stato sottoposto a due interventi. Quanto alla situazione giudiziaria dell'uomo, la scorsa primavera era stato posto agli arresti domiciliari, periodo durante il quale era stato sospeso in via cautelare dalla direzione dell'Azienda per l'assistenza sanitaria di Pordenone. Lo stesso che, qualche settimana più tardi, revocò anche le restrizioni della libertà personale in attesa del processo.

Correlati:

Commenti


Altre notizie