OSTIA - Il gip: 'Spada resta in carcere'. Marcia per la legalità

Raggi e l’ex marito Andrea Severini a Ostia

Il presidente provinciale dell'Anpi Fabrizio De Sanctis ha spiegato la sua presenza come un atto contro il fascismo: "Noi partecipiamo e ci mettiamo al servizio di tutti gli antifascisti per dire no alla violenza fascista mafiosa e criminale". Una fra tutte Ostia, dove durante la manifestazione contro le mafie, nata dopo l'aggressione a Daniele Piervincenzi, ad essere attaccati non sono i mafiosi ma i giornalisti presenti. C'è chi alla fine si è inserito, chi lo ha tifato dai marciapiedi, chi infine lo ha disertato convinto che tanto non sarà utile.

"A questi cittadini auguro di non mollare mai e di alzare sempre la testa e andare avanti", ha detto arrivando la sindaca di Roma Virginia Raggi. Non sono qui per fare campagna elettorale. Monica Picca, contendente di Fratelli d'Italia, non ha invece preso parte al corteo considerandolo "evidentemente di parte". Il Pd ha scelto di non partecipare, ma non mancano suoi esponenti, a partire dal sindaco della vicina Fiumicino Esterino Montino. "Contro tutte le mafie". "Siamo qui tra i cittadini, questa è una bella risposta". C'erano, ovviamente, i pezzi da novanta nazionali di M5S che si sono tenuti distanti dalla sindaca Raggi per un ordine di scuderia in base al quale non si doveva rendere la manifestazione troppo caratterizzata politicamente.

Una parte degli organizzatori, quella più vicina ai centri sociali e ai movimenti ha deciso, a sorpresa, di concludere il percorso del corteo prima di entrare a Nuova Ostia, nel feudo dei clan che dominano il X Municipio della Capitale, arrestandosi sul lungomare.

"È una passeggiata che fanno non solo i cittadini di Ostia - ha detto Raggi - i cittadini romani".

Spada, comparso davanti al gip Anna Maria Fattori, è stato arrestato giovedì scorso dai Carabinieri per l'aggressione ai danni della troupe della trasmissione televisiva Nemo, colpendo con una testata e con un oggetto contundente il giornalista Davide Piervincenzi e il suo cameramen.

"Non arretriamo di fronte alle mafie, non arretriamo di fronte alla criminalità, noi ci siamo". Ed è proprio su questo ultimo punto che i pm hanno puntato per fermare Spada. Se non fosse opportuno allora essere in piazza ad Ostia alla manifestazione contro la mafia per rimarcare le distanze? "Davvero Ostia nuova è zona franca?", chiedono i militanti alla sindaca.

Correlati:

Commenti


Altre notizie