Giornata mondiale per la prevenzione del diabete 2017: il focus sulle donne

La Porta Praetoria si tinge di blu in occasione della Giornata Mondiale del diabete

Collaborano all'iniziativa anche le associazioni sportive locali, per promuovere l'attività fisica, importante per la prevenzione e per la gestione del diabete. In questo quadro l'Associazione Diabetici Valle d'Aosta organizza l'incontro "Le nuove cure per la retinopatia diabetica" presso il Csv e l'Associazione Valdostana Diabetici tipo 1 propone un altro incontro sul tema "La consapevolezza che valorizza l'innovazione: un dialogo aperto sul diabete tipo 1".

"Il diabete o diabete mellito - si legge in un comunicato stampa di presentazione dell'evento - è una malattia cronica, caratterizzata da un'elevata concentrazione di glucosio nel sangue (iperglicemia), a sua volta causata da una carenza (assoluta o relativa) di insulina nell'organismo che è un ormone prodotto dal pancreas il quale serve per trasformare e trasportare gli zuccheri che assumiamo con l'alimentazione nel nostro organismo, affinché li utilizzi come fonte di energia". In Italia le persone che hanno dichiarato di avere il diabete sono 3,27 milioni, il 5,4% della popolazione, ma a questo dato va aggiunto circa 1 milione di persone che non sanno di avere il diabete. Parliamo del 4,3% della popolazione. Sono poi soprattutto le donne ad assistere gli anziani in casa, somministrando loro pasti e farmaci o misurando la glicemia: il 20 per cento dei diabetici italiani ha oltre 80 anni e spesso dipende da una moglie, una figlia, una sorella caregiver.

Martedì 14 novembre è la Giornata Mondiale del Diabete, istituita nel 1991 dall'International Diabetes Federation e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, organizzata in Italia dal 2002 per sensibilizzare e informare l'opinione pubblica sul diabete, sulla sua prevenzione e gestione. In particolare nel mondo 1 donna su 10 ha il diabete e 1 su 7 sviluppa il diabete gestazionale durante la gravidanza. Sono centinaia gli eventi organizzati da Associazioni di persone con diabete, Medici, infermieri e organizzazioni come la Croce Rossa, gli Alpini, la Misericordia, etc. Tutti prestano il loro impegno come Volontari.

Correlati:

Commenti


Altre notizie