Sergio Pirozzi a Viterbo: presenta il libro "La scossa dello scarpone"

Imagoeconomica

Il sindaco di Amatrice sembra avere sciolto le ultime riserve e alla trasmissione Rai Settegiorni ha confermato l'intenzione di concorrere alla presidenza della regione Lazio.

Pirozzi è il secondo sfidante ufficiale del Governatore Pd in carica Nicola Zingaretti, oltre a Roberta Lombardi candidata dal MoVimento Cinque Stelle a seguite delle regionarie on line.

"Voglio continuare a fare il mister", aggiungeva Pirozzi, "ma una squadra vince se ha una visione comune, sa cosa fare quando ha la palla, ma le squadre possono essere anche tante, mentre quando tutti lavorano l'uno per l'altro con una grande squadra, con un linguaggio condiviso e per la propria maglia, allora si fanno i risultati". "Nelle prossime settimane, dunque, incontreremo gli alleati per valutare insieme la soluzione migliore per mandare a casa la sinistra e battere l'inconcludenza del M5S". A livello lavorativo è allenatore professionista di calcio "Uefa B". Nel 2004 viene eletto consigliere provinciale con Alleanza Nazionale. Nel 2009 è eletto sindaco di Amatrice con una lista civica con il 52,3% dei voti. Successo elettorale questo che poi viene bissato nel 2014, quando vince di nuovo con il 56,03%. Durante questi suoi due mandati ha compiuto diverse battaglie soprattutto a difesa e tutela del territorio montuoso e dei sapori tipici, su tutti la salsa all'amatriciana, che è diventata anche grazie a lui simbolo di una volontà di rinascita.

Correlati:

Commenti


Altre notizie