Malagò: "La lite Pellegrini-Paltrinieri?"

Un tifoso alla Pellegrini:

Sul tema del regolamento del premio intitolato ad Alberto Castagnetti, ha invece parlato il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "La lite tra Pellegrini e Paltrinieri?". Morini era uno dei tre finalisti dell'Award 2017 insieme a Matteo Giunta e Christian Minotti. "Ora abbiamo la certezza di come funzionano queste votazioni", aveva scritto la Pellegrini. Va bene ci sta! L'allenatore non solo è un esperto del settore, con un'enorme conoscenza, ma anche un motivatore e un amico con cui confidarsi nei momenti di difficoltà.

"Non ci volevo credere quando l'ho letto", la replica di Paltrinieri in un'intervista a "Il Giornale", "Le ho trovate parole poco rispettose nei confronti del "Moro" e di chi ha vinto con lui".

Paltrinieri d'altro canto non è rimasto a guardare, e ha subito messo la faccia per difendere il suo allenatore. "Capisco il desiderio di sostenere gli indubbi meriti del proprio tecnico, ma non lo si deve fare screditando il lavoro degli altri". "È chiaro che Federica è brava, è forte, ma ripeto, si tratta di un premio, non è niente di che, non doveva prenderla sul personale, su queste cose bisognerebbe volare alto". Nello specifico tale Tommaso Morini, figlio del tecnico premiato, che condividendo un articolo a sua volta già poco elegantemente commentato aggiunge la sopraffina frase "Sei tu Matte, il mio pene dell'anno!".

"La lite tra Pellegrini e Paltrinieri?".

Grazie ragazzi del sostegno...raramente ho ricevuto offese sessiste e mai da persone così "vicine"...per una donna è veramente brutale! Morini jr.si è scusato affermando di aver agito preso dalla rabbia per gli attacchi al padre e sostenendo di aver telefonato al coach della Pellegrini, Matteo Giunta, e di essere pronto a farlo anche con la Divina: come dire, al momento una chiamata diretta non c'è stata. Ma la Procura della Federnuoto ha avviato un'indagine. Il presidente della Fin, Paolo Barelli, invita tutti a chiudere la polemica e soprattutto a fermare "l'escalation di volgarità".

Il caso dello sport italiano che ha fatto parlare più di Albania-Italia di calcio, negli ultimi due giorni, è senza ombra di dubbio la querelle sul premio al miglior allenatore dell'anno nel nuoto azzurro. "Noi saremo intransigenti, perché vogliamo salvaguardare il buon nome della Federazione e degli atleti".

Correlati:

Commenti


Altre notizie