Koulibaly: "Crediamo allo Scudetto, Sarri è geniale. Juventus? Storia e soldi diversi…"

Koulibaly: ” A Roma dura. Sogno di vincere lo scudetto a Napoli”

E' uno studioso e qualunque cosa gli chiedi ha sempre una risposta. "Mi hanno raccontato cosa significa lo scudetto a Napoli, ma mi hanno anche detto che è difficile da raccontare, bisogna viverlo". "Tutto. Faceva il terzino, un calciatore straordinario". Se non siamo squadra rischiamo di perdere, al contrario è più facile vincere. Lo scudetto? Ci dobbiamo credere, ma non ci dobbiamo pensare. "Non si guadagnava molto, il calcio mi ha dato tanto".

Sulla scelta del Senegal al posto della Francia: "Perché le porte erano più aperte e mi sono lanciato". Sabato non sarà un duello tra noi due, è una partita tra Napoli e Roma. E io ci sto provando, ma so che posso ancora migliorare. Il francese è la mia lingua, quella che ho imparato a scuola, ma io ho sempre vissuto a contatto con persone del Senegal, sono cresciuto con una doppia cultura. Con loro ho cominciato a giocare al calcio, per strada. A pochi giorni dal big match contro la Roma il franco-senegalese rivela in un'intervista al quotidiano il Mattino il momento d'oro che sta attraversando la sua squadra.

Ma è la squadra più forte in Italia. La Juve? "Ha una storia diversa, soldi". Compra grandi calciatori, Pjianic lo ha preso proprio alla Roma. Sarà un bel campionato.

Su Mertens: "Quando lo vedo penso ad un fuoriclasse, è stato baciato dal talento".

Contro la Lazio, l'anno scorso vi furono forti episodi di razzismo: "Si, ricordo". Si dice sia un problema di cultura. Se abbandonerei il campo?

In Italia peggio di altri paese?

Correlati:

Commenti


Altre notizie