Dal 2018 Gucci non utilizzerà più pellicce di visone, volpe, zibellino, karakul

Anche Gucci sceglie il fur free

Svolta storica per la maison Gucci. La casa di moda - che ha venduto pellicce di visone a un prezzo di 40mila dollari - ha precisato che la giacenza di abiti e accessori con inserti di pelliccia sarà messa all'asta per beneficenza.

Una notizia data in diretta Facebook ieri, 11 ottobre, da Marco Bizzarri, presidente e ceo del marchio della doppia G, durante l'evento Kering Talk al London College of Fashion. "Non lo è affatto e per questa ragione abbiamo deciso che non ne produrremo più", ha affermato, secondo The Times , Bizzarri.

"Esiste un crescente segmento di nuovi consumatori etici - osserva PJ Smith, senior manager delle Politiche della Moda di Hsus - che si preoccupano dell'innovazione e della responsabilità sociale e che, soprattutto, non vogliono avere niente a che fare con prodotti obsoleti e crudeli, come le pellicce".

Dal 2018, quindi, non esisteranno più pellicce griffate Gucci.

"Una decisione straordinaria, maturata anche grazie al nostro lungo dialogo con l'azienda, che rivoluzionerà per sempre il mondo della moda salvando la vita di milioni di animali": così la Lega Anti Vivisezione ha salutato con entusiasmo la decisione di Gucci di abbandonare la scelta dell'utilizzo di pellicce animali per i suoi capi. "La decisione di Gucci cambierà radicalmente il futuro della moda - sottolinea Simone Pavesi, responsabile Lav - area Moda Animal Free - Il rispetto degli animali è sempre più radicato nei valori delle persone e i grandi nomi della moda stanno gradualmente attuando politiche di responsabilità sociale in questa direzione. Il fatto che la moda diventi più etica farà sì che le catene di approvvigionamento basate sugli animali si avviino a diventare una cosa del passato". "Continueremo a supportare Gucci nell'identificare e ridurre il proprio impatto sugli animali e sull'ambiente" assicurano, citando i marchi che sono già passati dalla loro parte, tra cui Armani, Hugo Boss, Stella McCartney e Yoox Net-a-Porter.

Correlati:

Commenti


Altre notizie