Diritti TV, De Laurentiis: "Offerte mortificanti"

Diritti Serie A, Tavecchio: “La lega è stata valutata il doppio di prima”

"Abbiamo bisogno di recuperare tanti anni di grandi errori, ma abbiamo ricevuto offerte a dir poco mortificanti, anche per colpa di gravi errori di Nicoletti, Tavecchio e Infront". Il fatto di attestarci intorno a un'offerta da 350 milioni è ridicolo: non dico che dobbiamo essere ai livelli della Liga spagnola, ma almeno dobbiamo massimizzare gli introiti per tutti i club. De Siervo a capo di Infront l'ha messo Renzi, e con tutto il rispetto che ho per Renzi non credo che Luca Lotti sarebbe mai andato contro Infront.

De Laurentiis ce l'ha soprattutto con Infront, l'advisor scelto dalla Lega: "Cura anche gli interessi della Figc, che quindi non andrà mai contro Infront".

Giuseppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, ha così commentato al termine dell'assemblea straordinaria: "Vorrei manifestare la felicità della Juventus e di altre società perché per la prima volta c'è stata un'assemblea in cui è emerso grande consenso e senso responsabilità". Dirà sempre 'bravi, bene, fantastico!'. Ripeto: i diritti tv sono stati valutati il doppio e ora siamo negli standard europei. Questi 350-360 milioni ci portano al baratro: il gap con i campionati stranieri aumenterà a dismisura. Visto quanto è aumentato il costo dei giocatori, non potremo acquistare più nulla. "Mi meraviglio che Inter e Milan, comprate dai cinesi, cadano nel baratro di questo misunderstanding", le parole del patron del Napoli. C'è tutto un meccanismo che fa faticare il calcio italiano che dovrà dire addio alla sua gloria per molti altri anni grazie a questo caos. È chiaro che le agenzie dicono ai broadcaster: 'Tu non ti muovere, offri di meno, poi tanto li assegno a te i diritti tv'. "E poi non voglio dire altro".

Tavecchio non ha voluto replicare successivamente alle parole di De Laurentiis: "Si commentano da sole".

"Abbiamo delineato il valore del calcio italiano, raddoppiando i proventi che la Lega Serie A ha incassato dall'ultima vendita", ha spiegato in conferenza il Commissario Straordinario, Carlo Tavecchio.

Correlati:

Commenti


Altre notizie