Udine: donna rifiuta il taglio del cordone ei medici interpellano la Procura

Dopo il parto rifiuta di tagliare il cordone ombelicale interviene la Procura

Ha dell'incredibile quanto accaduto ieri all'ospedale di San Daniele, dove una partoriente si è rifiutata di far tagliare il cordone ombelicale, volendo attendere che si staccasse autonomamente, come prevede una pratica nota come Lotus Birth, nascita lotus, di cui si trovano diverse informazioni in Rete.

I sanitari hanno così interpellato la Procura di Udine per capire come agire, vista la reticenza dei due genitori.

I medici, spiazzati da tale richiesta, hanno atteso ma nel frattempo le condizioni del neonato, venuto alla luce senza problemi, hanno cominciato a dare segni di preoccupazione.

È successo a Udine: a raccontare la notizia è stato il Procuratore capo del capoluogo friulano, Antonio De Nicolo, che ha definito la vicenda un "segno triste dei tempi, che dimostra a che punto è arrivata la medicina preventiva". La risposta è stata quella di salvare il bambino. La mission dei medici è salvare vite. Se esiste un pericolo di vita, il trattamento va fatto. Evitare le denunce è impossibile, ma qualora arrivasse, chiaramente archivieremo. "Se al contrario il neonato fosse morto in assenza di intervento in quel caso sì che avremmo aperto un fascicolo d'indagine".

Correlati:

Commenti


Altre notizie