Giampaolo: "Il Torino ci dirà chi siamo, Zapata e Strinic sono pronti"

Verso Torino-Sampdoria i granata vincono ma si fermano in due

Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo interverrà nella giornata di oggi in conferenza stampa in vista del prossimo impegno di campionato.

La Sampdoria riprende il suo cammino dopo il rinvio della gara con la Roma di domenica scorsa: "Avremmo preferito giocarla la partita con la Roma, ma questa sosta aggiuntiva non compromette nulla". Diciamo che abbiamo potuto lavorare una settimana in più con gli ultimi arrivati, Andersen, Strinic e Zapata. Il Torino è una squadra solida, che vuole dare continuità all'ottimo campionato della scorsa stagione.

POSSIBILI SCELTE - "Ho molti dubbi sulla formazione". Non la snatureremo, ma potrei fare scelte funzionali per contrastare l'avversario. "E' una bellissima conquista la trasferta libera per i nostri tifosi, il loro apporto è sempre un valore aggiunto" ha concluso.

L'infermeria si svuota e le alternative a disposizione di Giampaolo aumentano. Andersen? Devo dire che il ragazzo per spirito di attenzione è della scuola dell'Europa del Nord, scuola polacca. È tipo Skriniar, ha la stessa pasta: mi piace l'atteggiamento, non è superficiale, è assetato, chiede, è un diamante grezzo su cui si può lavorare. A ribadirlo ai microfoni di una tv locale ieri è stato Antonio Romei, per chiudere una volta per tutte il discorso: "Eviterei qualsiasi polemica per rispetto di ciò che è accaduto a Livorno: sono decisioni delle autorità e vanno rispettate". Da una parte ci sarà il 4-2-3-1 del tecnico serbo, che con i nuovi innesti (e l'ampia colonia di ex genoani in granata) ha rimodellato in funzione di Belotti il 4-3-3 che schierava l'anno scorso. Viviano deve ancora lavorare, è ancora lontano dal top della forma.

Correlati:

Commenti


Altre notizie