Lazio, Luis Alberto SHOCK: "A febbraio volevo lasciare il calcio"

Lazio, Luis Alberto: «Obiettivo Champions». Luis Felipe: «Che ...

Nei segreti di Luis Alberto, un acquisto nuovo di zecca, scintillante, c'è la fiducia del ds Tare (l'unico a non dubitare mai di lui), c'è il lavoro, c'è l'aiuto di un mental coach, si chiama Juan Campillo: "Ho acquisito fiducia". Il centrocampista spagnolo, che fino a pochi mesi fa era considerato un vero e proprio corpo estraneo, si è recentemente trasformato in un valore aggiunto non indifferente. Il lavoro di tutti quanti, dai compagni al mister. Con Milinkovic parlo molto in campo, siamo due giocatori simili.

"Luis Alberto per me non rappresenta una sorpresa". La mia partita più bella?

Torres aggiunge poi sugli obiettivi per questa stagione di Luis Alberto: "Dopo aver conquistato una maglia da titolare, il suo obiettivo è quello di confermarsi un giocatore importante per la Lazio e portare i biancocelesti il più in alto possibile in ogni competizione". E magari ottenere anche una chiamata in Nazionale.

Luis Alberto crede molto nel potenziale della Lazio attuale: "Secondo me, rispetto all'anno scorso, siamo ancora più forti".

Esordio. Tra i protagonisti della vittoria c'è anche Luis Felipe, centrale difensivo subentrato per l'infortunio di Radu, uscito per crampi. "Ha classe ed è sveglio, crea sempre dei pericoli". Ma non è sempre stato così facile. Il mister mi ha detto di stare tranquillo e di ripetere quanto fatto in allenamento e ad Auronzo. Wallace? Mi ha detto che sarebbe arrivata la mia opportunità. Lo scorso anno ho fatto bene a Salerno e per questo sono qui. "Ora devo soltanto lavorare ancora di più", ha dichiarato il difensore brasiliano.

Correlati:

Commenti


Altre notizie