Ue prepara web tax, stop a vantaggi per Google e co

Ue prepara web tax stop a vantaggi per Google e

Un'iniziativa, questa, che intende superare l'attuale principio della residenza fiscale delle aziende soggette quindi a tassazione in un solo Paese, adattandolo alle caratteristiche dell'economia digitale che invece produce redditi virtuali in più Stati. Sotto la lente giganti di internet come Booking.com, Google, Amazon, Facebook ed Airbnb. Il documento, redatto in vista della riunione Ecofin della prossima settimana, è stato preparato dalla presidenza estone dell'Ue per l'incontro informale dei ministri delle Finanze europei previsto a Tallin, in Estonia, il 15 e 16 settembre.

Probabilmente si proverà a seguire l'esempio di Londra che ha varato un prelievo del 25% sui profitti trasferiti, chiamato non a caso Google tax o quello dell'India che tassa del 6% tutte le acquisizioni di prodotti e servizi all'estero e online fatti nel paese. La "modifica del concetto di stabilimento permanente" è alla base del tentativo di riforma, che punta a basare la tassazione sulle imprese non tanto su "una presenza fisica", quanto piuttosto su una "presenza digitale significativa" nei Paesi in cui operano. Per questo la Ue ha deciso di muoversi verso una 'web tax' comune, spinta anche dai grandi Paesi (Italia, Francia, Germania e Spagna) che hanno sottoscritto una dichiarazione politica da portare all'Ecofin di Tallinn di venerdì e sabato prossimi, lanciando il dibattito. L'iniziativa, spiega il ministero, "ha lo scopo di sollecitare una imposizione delle imprese che svolgono attività economica in Europa senza corrispondere un livello di tassazione adeguata, mettendo a repentaglio i principi di equità fiscale e la sostenibilità del modello economico e sociale del continente".

Copia della dichiarazione dei quattro ministri è stata inviata, inoltre, al commissario Ue per la Fiscalità, il francese Pierre Moscovici, che a Bruxelles sta da tempo coordinando una iniziativa complessiva proprio riguardante l'elusione e l'evasione delle tasse.

Correlati:

Commenti


Altre notizie