Gay o etero? All'Intelligenza Artificiale basta guardare una foto

Gay o etero? Lo scopre un algoritmo in base a una foto del volto

Recentemente, la rivista "Economist" ha espresso preoccupazioni e messo in guardia da questo tipo di app. "Nei Paesi dove l'omosessualità è un crimine, i software che promettono di individuare la sessualità dai tratti facciali di una persona sono una prospettiva allarmante".

"L'indagine è piuttosto inquietante e sembra proiettare nel passato piuttosto che nel futuro", dice a Repubblica.it Alberto Rossetti, psicanalista e psicoterapeuta di Torino, esperto di adolescenza e nuove tecnologie, "Innanzitutto perché riduce la complessa questione della sessualità umana a una serie di discutibili parametri facciali, tra l'altro presi all'interno di un sito per appuntamenti".

È possibile conoscere l'orientamento sessuale di una persona attraverso una fotografia?

La ricerca, come riconosciuto dagli stessi autori, ha importanti limiti relativi, per esempio, al campione selezionato, carente di varietà etnica, o alla fonte delle informazioni sull'orientamento sessuale, ricavate da un sito di incontri. Ovviamente l'immagine deve ritrarre il viso del soggetto.

Di intelligenza artificiale si parla da molto tempo e i film e i libri di fantascienza in merito sono innumerevoli. Questa nuova intelligenza artificiale sarebbe in grado di indovinare l'orientamento sessuale delle persone e nello specifico i ricercatori pare abbiano analizzato immagini di 35000 mesi e poi costruito un algoritmo estremamente preciso che in base a diversi fattori pare riesca a dire che il soggetto è gay o eterosessuale, il tutto da una semplice foto. Ci possono infatti essere delle conseguenze reali nella vita di tutti i giorni a seconda di come queste profilazioni vengono utilizzate (per motivi politici, di marketing, o altro).

L'algoritmo pare abbia indovinato con un'accuratezza del 81% gli uomini gay, mentre per le donne i risultati sono stati più bassi ma comunque si è raggiunto circa il 74% di accuratezza.

Lo studio americano sostiene la teoria secondo cui l'orientamento sessuale è determinata da determinati ormoni prima della nascita. I Governi che perseguono gli omosessuali, nel mondo, potrebbero usare tale software per infliggere punizioni o mettere in carcere i soggetti che ritengono gay. Nick Rule, professore associato di psicologia all'Università di Toronto e da anni impegnato nel campo, ha commentato: "Sconvolgente. Se puoi iniziare a profilare le persone in base al loro aspetto, identificandole e facendo cose orribili contro di loro, questo è veramente male".

Correlati:

Commenti


Altre notizie