Corea del Nord, Putin: si rischia un'enorme catastrofe

20170912_093721_5213D37F

Quattro nuove batterie antimissile americani Thaad sono state installate alla nuova base di Seongju, 300 km a sud di Seul, lo ha reso noto il ministero della Difesa sudcoreano. Secondo Pechino, il Consiglio di sicurezza Onu ha il dovere di "adottare le misure necessarie", e le sanzioni per la soluzione della questione "devono essere accompagnate da negoziati". Donald Trump, il presidente americano non esita a dire che "L'azione militare sarebbe certamente un'opzione", ma ci tiene ad affermare che "non è inevitabile", e che preferirebbe evitarla. Ho interpellato anche Alexander Novak, ministro dell'energia, ed abbiamo convenuto che si tratta di volumi irrilevanti.

La politica della Russia si mostra, come sempre del resto, poco trasparente e se in occasione delle dichiarazioni pubbliche il Cremlino asserisce di applicare con rigore le sanzioni internazionali applicate al regime di Kim Jong Un, all'atto pratico pare che la condotta sia molto più permissiva del dovuto.

"Come il mio collega della Corea del Sud, sono sicuro che le cose non arriveranno a un conflitto, men che mai con armi di distruzioni di massa".

Alla fine dell'incontro a due, i leader di Giappone e Russia hanno tenuto una conferenza stampa nella quale è apparsa in tutta evidenza la distanza tra i due sulla risposta da dare alla Corea del Nord. "Non c'e' altra via che risolvere la crisi nordcoreana attraverso il dialogo pacifico". "Questo posso dirlo con certezza". Ha anche accusato Seul e Tokyo di sfruttare il forum per fare "politica sporca", concentrandosi su Pyongyang invece di discutere di cooperazione economica.

Correlati:

Commenti


Altre notizie