Omicidio a Barile: Vigile urbano ucciso a colpi di pistola

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Dall'esito delle prime indagini, i militari del Comando provinciale di Potenza, che stanno compiendo i rilievi, escluderebbero la matrice malavitosa. Il movente sarebbe passionale e legato ad una storia che la vittima avrebbe avuto con una donna. Trovata l'arma del delitto, una una pistola calibro 7.65. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il sicario ha bussato alla porta di casa dell'uomo, Remo Giuliano, 57 anni, lo ha fatto uscire in strada per poi sparargli. Il suo corpo resta disteso a pochi metri da casa, nascosto alla vista da una coperta. Annullata in segno di lutto la "Notte barilese", l'evento nell'ambito delle iniziative legate al periodo estivo. Non è chiaro se Alessandro Caccavo abbia confessato il delitto in queste ore, dopo aver deciso di consegnarsi ai Carabinieri.

Si tratta di Alessandro Caccavo, un 64enne di Potenza. Ancora da chiarire il movente dell'agguato e l'identità di chi ha sparato. Vengono sentiti alcuni testimoni, poi si passa allo stesso Caccavo, a carico del quale vengono "cristallizzati elementi di responsabilità": finito il confronto con i due pubblici ministeri, il presunto assassino viene trasferito in carcere.

Correlati:

Commenti


Altre notizie