MPS, nel primo semestre perdita netta da 3,2 miliardi

Mps, atteso semestre in rosso per 3 miliardi

E' invece proseguita la crescita dei depositi vincolati e dei conti correnti da clientela, saliti di 3,8 miliardi nel secondo trimestre e di 9,4 miliardi da inizio anno.

Sempre nei primi sei mesi del 2017 le commissioni nette sono risultate pari a circa 858 milioni di euro, in riduzione dell'8,8% annuo, "impattate dalla contabilizzazione del costo della garanzia sulle emissioni di 11 miliardi di euro di obbligazioni con garanzia governativa e dai minori proventi rivenienti dal comparto del credito, che risentono della riduzione dei volumi di impiego".

Conseguentemente, il risultato operativo netto del primo semestre del 2017 del gruppo è stato negativo per circa 4,1 miliardi di euro, a fronte di un valore positivo di circa 349 milioni di euro registrato nello stesso periodo dell'anno precedente. A pesare, spiegò il manager, sono i "3,9 miliardi di euro di perdite sulla cessione del portafoglio di Npl".

L'esposizione dei crediti deteriorati lordi al 30 giugno 2017 era pari a 45,5 miliardi di euro, in flessione sia rispetto a fine dicembre 2016 (-0,3 miliardi di euro) che rispetto al 31 marzo 2017 (-0,5 miliardi di euro). Rispetto al 31 marzo 2017 è invece in calo di 2,8 miliardi.

I conti hanno beneficiato di un 'bonus' fiscale di 510 milioni di euro per effetto delle modifiche restrittive all'Ace, la misura che premia gli imprenditori che investono nel capitale delle proprie imprese. La raccolta indiretta a fine giugno è stata di circa 96,6 miliardi, in flessione di 1,5 miliardi rispetto al 31 dicembre 2016 e di circa 0,3 mld di euro rispetto a marzo 2017. Intanto la Consob ha ufficializzato i nuovo equilibri nel capitale: dietro allo Stato, titolare del 52,2% delle azioni, figurano le Assicurazioni Generali, secondo azionista col 4,32%.

Correlati:

Commenti


Altre notizie