È morta la donna aggredita in ospedale

Morta la donna aggredita in ospedale Per l'autore l'accusa è di omicidio

E' morta Maria Domenica Dursi, la donna di 73 anni che mercoledì 9 agosto è stata aggredita in un lettino d'ospedale a Taranto. La donna era stata colpita alla testa con un cacciavite da un quarantaduenne di Taranto, mercoledì scorso, mentre si trovava nel pronto soccorso dell'ospedale alle 5 del mattino. Non c'è movente dietro l'omicidio per il quale gip ha convalidato il provvedimento restrittivo, disponendo la custodia cautelare in carcere per il 42enne Giovanni Maggio. L'uomo era già stato accusato in passato di tentato omicidio e nel 2008 fu denunciato da sua moglie, che aveva subito un'aggressione con un cacciavite.

Nell'interrogatorio, il quarantaduenne non ha confessato e ieri si è avvalso della facoltà di non rispondere.

La Polizia è riuscita a risalire all'autore del delitto grazia alle immagini della videosorveglianza e ad alcune testimonianze acquisite nel corso delle indagini. Ha impiegato 25 secondi, Giovanni Maggio, stando alla ricostruzione della Procura, per entrare e uscire dalla stanza in cui era la 73enne. L'uomo si era recato anch'egli al pronto soccorso per un controllo ma si era allontanato prima di essere visitato. Inizialmente era stata dichiarata la morte cerebrale, poi c'era stato un piccolo segnale vitale. In questi giorni la donna è stata nel reparto di rianimazione, in stato di coma.

Correlati:

Commenti


Altre notizie