Allarme monossido b&b, evacuato palazzo

Monossido carbonio in B&B 63 in ospedale

Stamani i vigili del fuoco sono intervenuti d'urgenza in un Bed and Breakfast di Via Sant'Egidio per la presenza di monossido di carbonio all'interno della struttura ricettiva.

Sono complessivamente 73 le persone che sono state indirizzate dai sanitari del 118 ai controlli in ospedale per verificare il loro eventuale stato di intossicazione. I due giovani americani, un ragazzo e una ragazza entrambi di 24 anni, sono stati trattati con ossigeno terapia al Santa Maria Nuova e successivamente trasferiti a Careggi per trattamento in camera iperbarica. Le loro condizioni cliniche - riferisce il direttore del pronto soccorso di Santa Maria Nuova, dottor Mauro Pratesi -, "non destano preoccupazione". Le persone si trovavano in un palazzo di via Sant'Egidio, nel centro della città: tra loro alcuni dipendenti di un b&b, i clienti di una spa e una cinquantina di studenti di una scuola per stranieri. L'equipaggio dell'automedica è giunto sul posto, dopo la richiesta di aiuto, stamani, da parte del parente di un giovane che aveva accusato un malore. Intanto si cercano altre undici persone che a quanto pare sono uscite prima che scattasse l'emergenza. Fino ad ora per nessuna delle persone controllate sono state riscontrate condizioni serie.

Il segnale che nel palazzo c'era del monossido è scattato quando i dispositivi attaccati alle divise del medico e dell'infermiere inviati dalla Asl hanno iniziato a suonare.

Correlati:

Commenti


Altre notizie