Orrore a San Leonardo, fermato a Milano Solomon. Ha confessato l'omicidio

San Leonardo uccise madre e figlia

Ha confessato di avere ucciso la madre e la sorellina, Solomon Nyantakyi il giovane fermato a Milano dalla polizia per il duplice omicidio avvenuto a Parma.

Solomon Nyantakyi è stato rintracciato grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza della stazione di Parma. Il giovane, quindi, potrebbe avere preso il treno nei momenti successivi all'omicidio per raggiungere la città lombarda.

Considerato, a 17 anni, come una promessa del calcio giovanile, Solomon (nato nel marzo del 1996 ad Accra) non è mai riuscito a confermare le attese riposte su di lui, non mettendo in mostra di conseguenza tutto il suo talento e le ottime capacità di cui era dotato. I corpi riportavano numerosi fendenti da arma da taglio, in particolare alla schiena: si parla di decine e decine di fendenti.

Siamo alla periferia di Parma, dove la famiglia Nyantaky, di origini ghanesi, vive da parecchi anni tanto che Magdalene, la più piccolina dei tre fratelli nati da Patience, 45 anni e Fred Nyantakyi, era nata lì appena 11 anni fa.

Fa impressione sentire Solomon Nyantakyi, l'ex promessa del Parma Calcio, mentre cita con affetto la sorellina in una vecchia intervista trasmessa da Parma Channel.

Le donne sono state uccise con molte coltellate, tant'è che sono state ritrovate in una pozza di sangue nella sala da pranzo. Disperato, ha chiamato una vicina, poi il 113 e in pochi minuti nell'appartamento è arrivata la polizia, poi la Scientifica, poi il pm di turno, Paola dal Monte. Era ipereducato. Ora sono scosso, davvero ha confessato? Ma dopo quindici giorni di ritiro è voluto andare via, gli mancava la famiglia. Una carriere pronta a decollare, ma che rimanendo a Parma si era interrotta.

Correlati:

Commenti


Altre notizie