Inghilterra, il primo matrimonio gay musulmano

Il Parlamento di Malta legalizza le nozze gay   
                       
                
         Oggi alle 09:47

Il Parlamento ha dunque approvato la normativa fortemente voluta dal governo laburista, che ha incontrato l'opposizione strenua da parte della Chiesa.

Il 24enne Jahed Choudhury e il 19enne Sean Rogan, gay e musulmani, si sono scambiati le fedi nunziali con mani dipinte d'henné, onorando la tradizione, contro ogni discriminazione e pregiudizio.

Perché la storia di Jahed Choudhury è quelle di una vera e propria conquista e raccontarla è importante per dare fiducia e speranza a tanti altri.

Jahed si è sempre sentito la pecora nera della sua famiglia musulmana e che è originaria del Bagladeshi.

Sommerso dall'omofobia, dall'incomprensione e pure dal disprezzo, per un po' va contro la sua natura: si trova una ragazza, cambia giro d'amicizie, prende dei farmaci e va in pellegrinaggio in Arabia Saudita e in Bangladesh.

Una situazione che lo aveva portato anche a tentare il suicidio.

Ed è a quel punto che la vita cambia verso. "Si è avvicinato e ha chiesto se stavo bene". Il primo ministro Joseph Muscat, che è il capo del maggior partito di centrosinistra, il Partit Laburista, ha detto che il voto sui matrimoni gay "è storico" e che "mostra come la democrazia e la nostra società sia arrivata a un certo livello di maturità per cui tutti noi possiamo dire di essere uguali". L'amore sboccia, una settimana dopo convivono, e un anno dopo, in occasione del compleanno di Sean, Jahed gli fa la proposta.

"Voglio mostrare alla gente che non mi interessa, la mia famiglia non ha voluto partecipare al matrimonio non hanno voluto vedermi, per loro è imbarazzante".

Una mossa davvero sorprendente, se si pensa che l'Isola abitata da meno di 500mila persone ha dismesso il divieto di divorzio fin nel 2011 e l'aborto è ancora illegale. "Essere gay non è sbagliato, non è una fase, serve solo un po' di sostegno".

Correlati:

Commenti


Altre notizie