Assassin's Creed Origins: Ubisoft spiega com'è stato realizzato l'Egitto

Assassin's Creed Origins: Ubisoft spiega com'è stato realizzato l'Egitto

Sappiamo che in Assassin's Creed Origins, vestiremo i panni di Bayek e verremmo immersi in una storia che esplorerà le origini della Confraternita degli Assassini.

Nelle scorse ore il gamed director del nuovo Assassin's Creed Origins, Ashraf Ismail, ha rivelato nuove informazioni sul combattimento e lo stealth presenti nel gioco. Già dal titolo, che è appunto Assassin's Creed Origins, capiamo che per la prima volta il gioco avrà un'ambientazione totalmente diversa, in quanto esso sarà ambientato nel periodo storico che precede la nascita di Gesù Cristo, e prevedrà le atmosfere tipiche dell'Antico Egitto.

"Terremo conto della lore!" Racconteremo le origini della Fratellanza per come è stata conosciuta in Assassin's Creed 1.

"Come si è giunti a ciò e che viaggio ha compiuto l'eroe Bayek per fondare l'alleanza". I punti di osservazione sulla mappa?

Ma quali sono le novità sul videogame che da sempre appassiona e riesce a tenere incollati a sé migliaia di utenti ed utilizzatori? Sarà infatti possibile lanciare la torcia per attirare l'attenzione di una guardia, oppure si potrà dar fuoco ad un deposito di fieno, causando un incendio che richiamerà sul posto più di un nemico.

Se ricordate, nel primo Assassin's Creed si viene subito introdotti ai rituali, al Credo e ai dogmi degli Assassini; in Assassin's Creed 2, invece, Leonardo da Vinci spiega a Ezio che, anticamente, il taglio del dito aveva una funzione pratica per l'estrazione della lama celata, ma il suo valore era anche simbolico in quanto il possesso di quell'arma richiedeva un sacrificio carnale. "La bellezza assoluta di un mondo che ha alle spalle tremila anni di storia".

Correlati:

Commenti