Gay: Pollastrini, sarò al Milano Pride per diritti conquistati e da conquistare

Gay Pride 2017 e Street Parade a Milano: programma corteo e iniziative

Tante famiglie Arcobaleno con i bambini al seguito, ma non mancano le coppie più attempate, né gli extra comunitari, presenti a decine. La manifestazione è, come da tradizione, molto colorata e piena di musica.

Al termine del corteo, in Porta Venezia (nel cosiddetto gay district milanese), Paola Barale - madrina del "Milano Pride 2017" - e Andrea Pinna presenteranno il concerto della cantante Alexia che interpreterà, tra l'altro, "La cura per me", canzone ufficiale della manifestazione. Poche le bottiglie di vetro, molte le bottigliette e i bicchieri di plastica, nel rispetto dell'ordinanza voluta dal Comune per evitare possibili rischi di incidenti. Ma questa volta, hanno vinto i secondi.

Milano, 24 giu. (askanews) - Nonostante il caldo sono migliaia le persone che stanno partecipando nel capoluogo lombardo alla parata che segna il culmine della "Milano Pride 2017", l'annuale manifestazione organizzata dall'attiva comunità milanese composta da persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, travestiti, intersesso e asessuati (Lgbtqia). Lo slogan è l'hashtag #dirittisenzaconfine che campeggia sullo striscione in testa. "Una manifestazione come quella del Milano Pride rappresenta una occasione per richiamare tutta la mia giunta a fare la sua parte". Il corteo è partito alle 15.30 da piazza Duca d'Aosta per dirigersi verso Porta Venezia, dov'è stato allestito il palco per gli interventi. Tra i partecipanti a New York c'era anche Chelsea Manning, la soldatessa transgender dell'esercito americano che ha scontato sette anni di carcere per aver fatto trapelare informazioni classificate, poi liberato dall'allora presidente Barack Obama.

L'"Onda Pride" arcobaleno investe anche Milano. Determinante quest'anno la posizione del leghista Fabrizio Cecchetti, che si è astenuto durante la votazione di metà maggio, che si è conclusa con due voti a favore (quelli del consigliere Eugenio Casalino, M5S, e della vicepresidente del Consiglio regionale Sara Valmaggi, Pd) e due contrari (quelli del presidente dell'assemblea Raffaele Cattaneo e della consigliera Daniela Maroni della Lista Maroni presidente). "E col ricordo delle battaglie, delle fatiche e anche degli scacchi subiti". "Rimango convinta che i diritti avanzano quando camminano insieme".

Correlati:

Commenti