Siae-Soundreef, Franceschini querela Fedez: "Superata la soglia di tolleranza"

Fedez di nuovo all'attacco del Ministro Franceschini sulla questione diritti d'autore

"Non è che lo dico io - risponde a chi gli fa notare che forse sta esagerando e che sarebbe meglio andarci cauto con certe accuse - è un fatto oggettivo, perché se tua moglie gestisce gli immobili e il patrimonio di Siae, è lecito parlare di conflitto di interesse e se l'Europa ti dà una direttiva e tu non la rispetti, ci sono delle domande da porsi ed è legittimo porsele". Il Ministro, infatti, annuncia una imminente querela per calunnia nei confronti del cantante, dimostrando un atteggiamento che sinora potrebbe sembrare a questo punto quasi paterno nella tolleranza a suo dire dimostrata.

"Sarà la decima volta che Fedez, da quando ha scelto Soundreef - fondata nel 2011 a Londra dagli italiani Davide D'Atri e Francesco Danieli - tira fuori questa storia assurda, calunniando me e mia moglie e ignorando le norme che ha approvato il parlamento".

"È infatti documentalmente destituita di qualunque fondamento - aggiunge la Società degli autori ed editori in una nota - la circostanza secondo la quale la signora Michela Di Biase gestirebbe gli immobili di Siae". Il ministro ha poi risposto postando il link di un brano tratto da Il Barbiere di Siviglia e commentandolo così: "La calunnia è un venticello", riferito ovviamente alle accuse lanciate da Fedez e poi condivise da Grillo. "È la prima volta che lo faccio dopo tanti anni di vita politica ma lui ha mezzi più che sufficienti per risarcire i danni che ci sta creando", conclude Franceschini. Le sue dichiarazioni sono davvero pesanti: "Andate a vedere che lavoro fa la moglie del ministro. Questo è in conflitto con il ruolo di ministro dei Beni culturali". Fedez ha aggiunto di non avere elementi esclusivi da fornire e di non sapere, nello specifico, in che azienda lavori Michela di Biase. Il rapper ha mosso la sua critica in occasione della conferenza di Soundreef "Compose the future". Per il rapper tutto ciò è molto strano.

Naturalmente la Siae non tarda a rispondere definendo inaccettabili, false e insultanti le affermazioni di Federico Leonardo Lucia, in arte Fedez, in riferimento alla Società Italiana Autori ed Editori e alla moglie di Franceschini. Una valida e indipendente alternativa alla Siae che attualmente gestisce i diritti d'autore di importanti musicisti, tra cui ovviamente Fedez. "A tale proposito, Siae ha dato mandato ai propri legali di tutelare l'onorabilità della società, chiedendo agli stessi di reagire con la massima durezza consentita dall'ordinamento giuridico".

Correlati:

Commenti


Altre notizie