Brexit, Londra può davvero ripensarci. Tusk: "Sogno non impossibile"

Ue: giovedì e venerdì a Bruxelles riunione del Consiglio europeo

"You may say I'm a dreamer, but I am not the only one". Tusk ha rivelato che alcuni amici britannici gli hanno chiesto se possa esservi una marcia indietro sulla Brexit e se è immaginabile un esito in cui il Regno Unito rimanga nell'Ue.

Dopo la Brexit tra i cittadini dei Ventisette c'è voglia di identità europea, di serrare le fila e di avere ottimismo, dall'altra parte c'è il protezionismo di Trump e le grandi potenze economiche in espansione, dalla Cina all'India. Ho risposto che in effetti la stessa Ue è costruita su sogni che sembravano impossibili da raggiungere. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, specificando che le cosiddette Pesco (cooperazione permanente strutturata) nella difesa europea "hanno l'ambizione di essere inclusive" per cui tutti gli stati membri sono invitati a partecipare e che "entro tre mesi" dovranno essere presentate le liste degli impegni per i progetti per le capacità militari e per la cooperazione "sul terreno". Chissà: "Potete dire che sono un sognatore, ma non sono l'unico", ha concluso Tusk, citando Lennon.

Correlati:

Commenti