Incorreggibile Mamma Ebe: nuovi guai a 84 anni

Nuova denuncia per

Nel suo studio, mamma Ebe giudicava dannose le cure scientifiche, il caso di infertilità sarebbe stato guaribile in cinque sedute, nelle quali spalmava alla sua cliente una pomata arancione che causava una forte irritazione alla pelle.

La denuncia è partita dopo un'indagine avviata mesi fa dalla Polizia di Stato di Forlì-Cesena. Al termine delle attivita' d'indagine, "Mamma Ebe" e' stata denunciata per il reato di esercizio abusivo della professione e l'ex marito della donna per il reato di maltrattamenti.

Secondo quanto riferito dalla donna, il marito, su indicazione di Mamma Ebe, si era convinto che occorreva evitare le cure mediche come la fecondazione assistita perché sarebbero potuti nascere bambini con problemi mentali.

La donna ha rivelato che aveva avuto modo di constatare che gli adepto di Mamma Ebe erano numerosi e che la ricompensavano con offerte in denaro o con lavori di manutenzione della sua villetta a Sat'Ermete di Santarcangelo, nonché nel rifornire la dispensa di casa. Il marito convinceva la moglie che la "santona" era stata incompresa dalla Giustizia italiana e dall'opinione pubblica e che solo alla sua morte si sarebbero riconosciuti i suoi miracoli. Ebe era tornata libera dopo che l'anno scorso la Cassazione aveva confermato, rendendola definitiva, la condanna a sei anni di reclusione inflitta nel dicembre 2013 dalla corte d'Appello fiorentina. Domiciliari che, tuttavia, non le impedivano di rimanere il riferimento di un gruppo di adepti (sono state trovate 8 donne nella sua abitazione, alcune provenienti anche dalla Toscana, alcuni anche visi già noti nella prima indagine), né di ricevere pazienti e di somministrare loro delle supposte cure. La località era meta di una processione continua di persone malate o sofferenti che si affidavano alle sue presunte capacità taumaturgiche della donna. Per l'ormai 84enne santona è scattata così una nuova denuncia.

Anche a 84 anni continuava a professare in modo abusivo la professione medica.

Correlati:

Commenti


Altre notizie