Anche Mou denunciato per evasione. CR7 dal giudice il 31 luglio

Mourinho su Pogba

Dopo Lionel Messi (la cui vicenda è passata in giudicato) e dopo le ultime accuse a Cristiano Ronaldo, oggi tocca a José Mourinho.

Il mondo del calcio spagnolo rischia di mettere in mostra un altro scalpo illustre nella sua eterna querelle con il fisco. Il tecnico portoghese sarebbe infatti indagato per evasione fiscale, accusato di aver frodato il Tesoro per 3,3 milioni di euro nel 2011-2012, anni in cui sedeva sulla panchina del Real Madrid.

Un'accusa simile a quella denuciata al connazionale Cristiano Ronaldo.

L'Ufficio Provinciale di Madrid - scrive El Pais - ha presentato una denuncia contro José Mario Mourinho per due reati contro il Tesoro relativi all'imposta sul reddito delle persone fisiche (imposta sul reddito) presumibilmente commessi nel corso del 2011 e 2012. Il contratto dello Special One con il club blanco risale al 31 marzo del 2010, quando l'allenatore portoghese trasferì la sua residenza fiscale in Spagna.

Tale società avrebbe poi ceduto lo sfruttamento degli stessi diritti del giocatore ad un'altra società con sede in Irlanda con il nome di 'Multisport & Immagine Management LTD' al solo fine di nascondere alla AEAT tutti i redditi guadagnati dal campione dallo sfruttamento della sua immagine.

Correlati:

Commenti


Altre notizie