Le Mans, Gara: trionfo per Porsche ed Aston Martin

2016-24-Heures-du-Mans-Adrenal-Media-GT7D1939_hd

Ma il peggio capitava di lì a poco: alle 00.37 il nuovo colpo di scena: la Toyota n°7 leader della corsa si ferma ai box per il pit stop e il cambio pilota. Domenica scorsa abbiamo espletato le verifiche senza problemi e ora siamo davvero pronti. Sorprendentemente, l'Oreca 38 della squadra di Jackie Chan, il nome del proprietario attore cinese della propria squadra, guida ora la corsa a tre ore dall'arrivo. Oreca 07-Gibson Vaillante Rebellion n°13 (Piquet-Beche-Heinemeier Hansson) 4.

Non che in Toyota le cose siano andate meglio. Mentre le altre due vetture gemelle sono arrivate a metà gara. Poi la sfortuna per la TS050 n. 9 pilotata da Lapierre e tamponata dalla Manor dell'equipaggio Gonzales, Petrov e Trummer, quindi i problemi per la terza vettura, la n. 8 costretta al box per un problema al sistema di trazione elettrica che di fatto l'ha esclusa dalla vittoria.

Brendon Hartley ha voluto dedicare la sua prima vittoria alla 24 Ore di Le Mans ai meccanici della Porsche. In alternativa, anche in questo caso però bisogna essere abbonati o pagare la singola gara, ci si può collegare al sito www.fiawec.com dove trasmettono la diretta streaming in inglese.

Ha espresso parole amare e si è scusato con i piloti in pieno stile giapponese, Akyo Toyoda, il presidente di Toyota.

Infatti la 919 Hybrid numero 1, saldamente al comando dopo la disfatta Toyota, alle 11.11 è stata a sua volta vittima di un guasto (calo di pressione dell'olio, la comunicazione del team) che ha costretto Lotterer a fermarsi a bordo pista, dopo aver disperatamente arrancato per tentare di guadagnare i box. Decimo posto globale e 8° di classe (LMP2), infine, per la Dallara P217 della Cetilar Villorba Corse degli italiani Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi. A tenere con il fiato sospeso tutti fino alle ultime battute, è stata anche la battaglia per la vittoria nella classe GTE Pro, tra la Aston Martin numero 97 e la Chevrolette Corvette numero 63.

DUELLI RUSTICANI Il Balance of Performance, la regola che stabilisce la discrepanza minima e massima di prestazioni tra le vetture, mai come quest'anno ha reso possibile una gara combattuta ed apertissima anche tra le Gran Turismo.

Nel mondo del motorsport è nata una nuova serie: da parte dell'azienda leader negli oli lubrificanti da competizione, ecco la Castrol Edge Supercar, che andrà a scoprire le storie dei più grandi Campioni mettendo in luce i loro sacrifici e le loro qualità per arrivare al tanto ambito successo di categoria.

Correlati:

Commenti


Altre notizie