Attaccato il camping Kangaba di Bamako: residence frequentato da occidentali

Mali attacco in un resort di turisti occidentali

Lo scrivono su Twitter media francesi, secondo cui diversi ostaggi sarebbero transalpini, citando alcuni di loro che sono riusciti a fuggire.

Paura nel Mali per un attacco, non è al momento chiaro se di matrice terroristica, in corso in questi minuti in un residence di turisti.

Testimoni hanno riferito di colpi d'armi automatiche e di una densa colonna di fumo nero che si è levata poco dopo che un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione nel complesso, che si trova non lontano dall'aeroporto. Chi è riuscito a mettersi in salvo ha raccontato che gli assalitori gridavano "Allah Akbar". Le forze speciali maliane intervenute sul posto hanno liberato almeno 20 ostaggi prigionieri dei jihadisti. Secondo il ministero della Sicurezza maliano, l'attacco sarebbe condotto da sospetti jihadisti. "Le forze speciali maliane, appoggiate dalle forze di Barkhane e della Minusma (forza dell'Onu), hanno circondato il sito e stanno effettuando delle operazioni" contro gli assalitori, ha indicato questo responsabile in condizione di anonimato. Nel mirino il camping Kangaba, frequentato da occidentali, in particolare tedeschi e francesi. Non è ancora chiaro se ci siano vittime. Un attentatore era stato ucciso dalle forze di sicurezza ma non c'erano state altre vittime. Il 20 novembre 2015, una ventina di persone vennero uccise al Radisson Blu Hotel, uno dei più esclusivi della capitale del Mali. Nel marzo dello stesso anno era finito sotto attacco il bar-ristorante La Terrasse.

Correlati:

Commenti


Altre notizie