"Puoi riposare in pace", la struggente lettera della moglie a Chris Cornell

La moglie di Chris Cornell ha scritto una lettera aperta al marito

Si dice che i percorsi che si sono incrociati una volta si incroceranno di nuovo, e so che mi verrai a trovare, e io sarò qui ad aspettarti. Poco dopo la sua morte, Vicky ha pubblicato un comunicato in cui alludeva a una possibile overdose di Ativan, un farmaco che Cornell prendeva per combattere l'ansia. Oggi 26 maggio avranno luogo i funerali a Los Angeles, mentre sembra che la salma sia stata già cremata lo scorso 23 maggio, e soltanto adesso la moglie Vicky Karayiannis ha trovato il coraggio di parlare pubblicamente, scrivendo una lettera pubblicata sul magazine Billboard. Penserò a te ogni minuto di ogni giorno e combatterò per te. 'Sei stato il papà, il marito e il genero più dolce. La tua pazienza, la tua empatia e il tuo amore erano palpabili.

Al termine della funzione, i fan che si erano radunati fuori dal cimitero hanno lasciato fiori, messaggi e preghiere.

Mi hai sempre detto di averti salvato la vita, che non saresti sopravvissuto se non fosse stato per me. Anche i tuoi figli lo sanno, quindi puoi riposare in pace. Il mio cuore brillava vedendoti così felice, vitale e motivato. Eccitato dalla vita. Facendo tutto il possibile per restituire quello che ti aveva dato. Negli ultimi dieci anni abbiamo passato i momenti più belli della nostra vita e mi spiace, amore mio, di non aver potuto vedere cosa ti è successo quella notte.

Ti amo più di quanto chiunque abbia mai amato qualcuno nella storia dell'amore e più di quanto chiunque amerà. "Sempre e per sempre tua Vicky". Non mancavano, naturalmente, i suoi compagni di band dei Soundgarden: la celebrazione si è aperta proprio con uno degli ultimi brani che Chris Cornell aveva composto, "The Promise". Per amore di Vicky, Cornell si era avvicinato alla fede ortodossa, ma soprattutto aveva fondato la Chris & Vicky Cornell Foundation, un'associazione che si occupa di disagio minorile. La coppia ha avuto due figli, ovvero Toni e Christopher Nicholas.

Correlati:

Commenti


Altre notizie