Sicilia, indagato anche Crocetta: un Rolex inguaia Vicari

Simona Vicari

Tra gli altri, sono indagati anche Simona Vicari, sottosegretaria alfaniana alle Infrastrutture e il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta.

Oltre a Mimmo Fazio, candidato a sindaco a Trapani e deputato regionale in carica, finito agli arresti domiciliari come il segretario particolare dell'assessore Pistorio, Giuseppe Montalto, e all'armatore Ettore Morace finito in carcere, l'inchiesta ha coinvolto anche il sottosegretario Simona Vicari.

Rolex, ancora lui: lo stesso che fece rotolare la testa dell'allora ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi.

Ci sono anche due politici nazionali, che avrebbero ricevuto avvisi di garanzia per corruzione. Inoltre Fazio, in qualità di deputato, ha difeso gli interessi dell'armatore e ha esercitato pressioni nei confronti della dirigente del servizio, Maria Piazza. Attraverso "il suo interessamento, Morace e' riuscito a ottenere nel periodo monitorato la presentazione e l'approvazione di un emendamento alla legge di stabilita' dello Stato con il quale veniva ridotta l'imposta d'Iva dal 10% al 5% per i trasporti su navi veloci, causando un ammanco alle casse dello Stato di 7 milioni di euro e, conseguenziale, notevole arricchimento della societa' Liberty Lines". Lo Voi ha parlato di "stabile asservimento a Morace da parte di Fazio che ha ottenuto in cambio assunzioni nelle imprese di Morace, l'uso permanente di una Mercedes, biglietti sulle varie tratte marittime". In cambio i due politici avrebbero ricevuto orologi Rolex.

Nell'indagine spunta anche il nome di un carabiniere del Ros, Orazio Gisabella, che avrebbe fatto assumere la figlia in una società dei Franza in cambio di aver fatto proprio un esposto su presunti illeciti della Liberty Lines. Il dossier doveva finire in Procura e poi essere inviato per competenza a Palermo così da indurre i pm ad aprire una inchiesta.

Correlati:

Commenti


Altre notizie