Corruzione: arresti Trapani, indagata la sottosegretaria Vicari

Simona Vicari

Altra contestazione, che riguarda anche due politici nazionali, che avrebbero ricevuto avvisi di garanzia per corruzione, riguarda la modifica di un emendamento che abbassò dal 10 al 4 per cento l'iva sui trasporti marittimi urbani, interamente a carico dell'armatore. Fazio e Montalto sono stati posti ai domiciliari, misura cautelare in carcere per l'armatore Morace, succeduto alla guida della compagnia al padre, Vittorio Morace, patron del Trapani calcio. Sarebbe un modo molto singolare di favorire un imprenditore. Vicari, invece, avrebbe ricevuto un Rolex del valore di 5mila euro che le avrebbe consegnato il fratello, Manfredi, dipendente di Morace.

Il sottosegretario alle Infrastrutture Simona Vicari (Ap) è indagata per corruzione. "Un atto di lealta'" compiuto da un funzionario regionale che ha preso il posto del precedente (in cui si era radicato il 'sistema Morace'), dice il procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia, che coordina il gruppo sulle indagini sulla pubblica amministrazione. Stesso provvedimento anche per un funzionario regionale, Giuseppe Montalto, segretario particolare dell'assessore regionale ai Trasporti Giovanni Pistorio (ex Udc, ora Centristi per l'Italia). I Morace oltre a guidare il Trapani sono con i Franza i re del mare in Sicilia avendo di fatto quasi un monopolio suo trasporti con le isole minori. "Il 12 settembre 2016 - annotano gli investigatori - Morace veniva chiamato da Di Caterina". La Caronia avrebbe poi ottenuto da Morace l'impegno ad accogliere tutte le sue richieste sulla buonuscita dalla ex Siremar. Inoltre la Caronia avrebbe ricevuto 50 mila euro da Morace per prestazioni "inesistenti". A fare avere l'orologio alla Vicari fu Manfredi Asta, fratellastro della sottosegretaria e dipendente di Morace. Nel corso delle indagini è emersa l'esistenza, come hanno sottolineato gli inquirenti, di "una reale cointeressenza economica" tra l'armatore Morace ed il deputato Fazio, "tale da potere ipotizzare il reato di abuso d'ufficio nella condotta di quest'ultimo". Soldi per il suo movimento politico in cambio del prolungamento del contratto di servizio della Liberty Lines.

Un altro grosso nome che si legge nelle intercettazioni, ma che non risulta indagato, è quello dell'attuale assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi. A proposito di Fazio, il giudice parla di uno "stabile asservimento a Morace". In cambio l'armatore distribuiva soldi, regali, assunzioni di amici e parenti, come il nipote di Fazio. "L'armatore è entrato in contatto anche con un esponente politico di rilievo nazionale", aggiunge il procuratore Lo Voi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie