Stampa estera celebra la Juve: Implacabile, per Monaco sogno svanito

Monaco, futuro di Mbappe: no al Manchester United, sì al Real Madrid

Lo ha detto il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, parlando del Monaco nella conferenza della vigilia della semifinale di andata di Champions League. La vittoria 2-0 a Montecarlo è più di un'ipoteca, decisivi i campioni e l'esperienza di Buffon, Dani Alves e Higuain. Alla mezzora però, la Juve passa in vantaggio al termine di un'azione straordinaria: palla da Marchisio a Dybala, che di prima lancia Dani Alves sulla destra, colpo di tacco al centro per Higuain che non sbaglia.

Il 9 maggio si svolgerà la gara di ritorno: la Juve si aspetta un'altra serata magica di stelle per raggiungere Cardiff e disputare una grande finale di Champions. Al 32' Allegri fa uscire Higuain, sostituito da Cuadrado, tenuto a sorpresa in panchina.

Ma siccome il calcio ci insegna che tutto è possibile, allora bisognerà tenere conto anche di squadre minori coinvolte in sfide dove riescono a mettere a segno ben due reti proprio alla Juventus, ed in questo ci è riuscita l'Atalanta, facendo risultare la Juventus si una squadra di altissimo livello, ma mostrando a tutti anche che essa non è così impenetrabile.

Il portierone bianconero si ripete dopo poco su Falcao, salvando ancora il risultato. La ripresa si apre con il Monaco aggressivo, che si presenta subito dalle parti di Buffon con Falcao, ma la sua conclusione da buona posizione non è impeccabile.

Ma ancora una volta è stata la difesa della Juve a brillare, tanto che il vivace attacco del Monaco guidato dal fortissimo Kylian Mbappe ha avuto scarse possibilità di impressionare. A disp. 16 De Sanctis, 6 Jorge, 24 Raggi, 33 Cardona.

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Marchisio; Dani Alves, Dybala, Mandzukic: Higuain. All. In panchina: Neto, Benatia, Asamoah, Lichtsteiner.

Correlati:

Commenti