Presidenziali Francia, sarà ballottaggio Macron-Le Pen. Per ora in vantaggio il centrista

Elezioni Francia 2017 exit poll, risultati in diretta | Ultimi sondaggi elettorali

Fillon e Melenchon appaiono in rimonta però, avvicinandosi al 20%, mentre risultavano essere in calo i favoriti. Quindi bisognerà aspettare le prime proiezioni che si basano su dati reali contenuti nelle urne. Secondo Rtbf, il candidato di 'En Marche' e quello de la 'France insoumise' raccolgono il maggior numero di voti in quasi tutti i territori d'Oltremare: Melenchon, in particolare, è primo nella Guyana Francese, nell'arcipelago di Saint-Pierre e Miquelon, con Marine Le Pen seconda, e Martinica. Il candidato socialista Benoît Hamon, si sarebbe fermato al 6-7%.

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica le elezioni si svolgono in regime di stato d'emergenza, con un clima di tensione che l'attentato di giovedì sera sugli Champs-Elysées ha ulteriormente aggravato. Domenica 23 aprile, infatti, quasi 47 milioni di elettori francesi saranno chiamati alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali (il ballottaggio sarà il 7 maggio).

Christian Estrosi e François Baroin, ex ministri dell'ex presidente Nicolas Sarkozy, fanno appello agli elettori perché al secondo turno di voto sostengano Emmanuel Macron. L'ennesimo fallimento di uno Stato che ha provato a mettere in campo numerosi programmi di de-radicalizzazione e di "rieducazione" dei jihadisti nelle carceri. La sua sfidante, la candidata di estrema destra Marine Le Pen, che ha ottenuto il 21,7 per cento dei voti (sempre secondo gli exit poll), potrà contare su un serbatoio di voti molto più esiguo. "Tutti si rendono conto che non la possiamo perdere".

I primi exit-poll, saranno disponibili a partire dalle 20 nelle due giornate di votazione.

Pochi minuti dopo l'intervento della polizia, sul loro account twitter le attiviste di Femen hanno rivendicato l'azione di disturbo da parte del "Team Marine" fuori dal seggio elettorale della candidata alle presidenziali del Front National, Marine Le Pen, a Hénin-Beaumont. Per candidarsi all'Eliseo occorreva presentare al Consiglio costituzionale una lista di 500 firme di "patrocinatori" (parlamentari, sindaci o consiglieri regionali). A cambiare invece, rispetto ai numeri precedenti, lo scenario per il secondo posto: Marine Le Pen, François Fillon e Jean-Luc Mélenchon sarebbero su percentuali quasi identiche. Le Pen e Macron sono nella foto qui sopra.

Correlati:

Commenti


Altre notizie