Fiorentina, il sogno per la panchina è Pioli

Pioli: Inter, credi all'Europa League! La società è con me

Ci sono due situazioni che ci hanno penalizzato, la gestione della palla e le palle inattive. E' sbagliato pensare troppo avanti. "Abbiamo interpretato ogni partita al massimo, è chiaro che in una stagione ci possono essere momenti al top e cali fisiologici, al di là dei fattori tattici nelle ultime partite ci è mancata la concentrazione per 95' e sono errori che si pagano". Il derby è stato particolare e diventa difficile trovare delle mancanze se non hai l'attenzione e la determinazione sulle palle inattive. "Abbiamo commesso degli errori che prima non commettevamo".

Fiorentina. "Ogni partita persa vorrebbe dire allontanarsi dall'obiettivo". Contro il Crotone abbiamo sbagliato la partita ci dispiace, credo che sarebbe cambiato molto con tre punti in più in classifica.

"Credo che il nostro momento delicato non derivi da lì". L'Inter e' reduce da due soli punti nelle ultime quattro partite, ma il tecnico nerazzurro in conferenza stampa ad Appiano Gentile sottolinea che "i bilanci si fanno alla fine e dobbiamo fare di tutto il 28 maggio per essere soddisfatti del nostro lavoro".

"Sabato abbiamo voglia di dimostrare che possiamo fare bene, possiamo finire il campionato in una posizione migliore rispetto a quella attuale".

"Io di solito in queste situazioni sono molto attento, valuto l'operato della societa' e dei dirigenti nei momenti delicati della stagione che arrivano sempre".

Per questo la riconferma di Pioli ad oggi appare sempre più lontana, anche se a suo discapito c'è da considerare la disastrosa situazione trovata dopo l'esonero di de Boer: 39 punti in 20 partite che attestano l'Inter al quarto posto da quando l'ex tecnico della Lazio si è seduto sulla panchina nerazzurra. Invece giudico i dirigenti con cui lavoro quando le cose non funzionano. Sono un allenatore fortunato perché ho il supporto della società.

Fiorentina. "A Firenze ho giocato sei anni la parentesi più importante con soddisfazioni ma anche delusioni, ricordo la retrocessione". E' un crocevia importante come lo sono state tutte da novembre a ora perché siamo sempre stati costretti a rincorrere. "Non vinciamo da 4 partite, non ci siamo abituati e tornare a vincere sarebbe importante".

Correlati:

Commenti


Altre notizie