Turchia, arrestato giornalista tedesco: "Propaganda terrore". Ira Merkel

Chiudi

   Apri

Un giudice di Istanbul ha convalidato l'arresto del giornalista turco-tedesco Deniz Yucel.

"Amarezza e delusione": e' con queste parole che la cancelliera tedesca Angela Merkel ha commentato la conferma dell'arresto del corrispondente della Welt in Turchia, Deniz Yucel. Il giornalista, dopo ore di interrogatorio, è stato accusato di "propaganda terroristica" e "istigazione all'odio".

È accusato di fare propaganda del terrore.

.

Il tribunale turco ha accolto la richiesta del pubblico ministero, che aveva messo sotto accusa il reporter nell'ambito di un'inchiesta sul collettivo di hacker turchi RedHack, che diffusero le email di Berat Albayrak, ministro dell'Energia e genero di Erdogan, su cui il giornalista ha scritto alcuni articoli. Sullo sfondo della vicenda Yucel, Sigmar Gabriel ha detto che le relazioni tra Germania e Turchia potrebbero incrinarsi. Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel a Berlino.

Per il momento, si registra solo una dichiarazione del ministro degli Esteri Gabriel: "Il caso accende un faro abbagliante sulla differenza fra i nostri due Paesi nel rispetto dei principi del diritto e nella valutazione della libertà di stampa e di opinione".

Correlati:

Commenti