Paura alla Sanità, spari contro la vetrina di Poppella

Napoli: dopo gli spari la pasticceria Poppella risponde con il «Proiettile Babà»

Una festa di Carnevale già in programma, ma che oggi si veste di ulteriori significati dopo gli spari, ieri, contro una vetrina della pasticceria Poppella, famosa anche per i dolci 'fiocco di neve'. Questa mattina i bambini delle scuole del Rione sono scesi in strada, vestiti con abiti carnevaleschi, esponendo lo striscione "Ai proiettili preferiamo i fiocchi di neve". "In un paio di mesi le installeremo e saranno un elemento di dissuasione nei confronti di chi volesse continuare a compiere atti di illegalità e intimidazione" dice all'ANSA Vincenzo De Luca, governatore della Regione Campania, che ha fatto visita a Ciro Scognamillo, il titolare della Pasticceria Poppella, nel Rione Sanità a Napoli, contro la quale ieri sono stati sparati colpi di pistola.

La pasticceria colpita è "Poppella" sita nel Rione Sanità e sembra che a sparare siano state due persone incappucciate in sello ad uno scooter, arrivate davanti al negozio percorrendo via Arena della Sanità contromano e poi una volta giunti davanti al numero 24, avrebbero sparato tre o quattro colpi calibro 9; le due persone incappucciate, sarebbero dunque fuggite verso via Vergini. I vetri sono andati in frantumi. "Sono venuto - afferma - per confermare a Ciro che stiamo preparando la gara per le telecamere". "Sono commosso da tanto affetto", ha aggiunto Ciro. "Non me lo dovevano fare, sto male", ha detto con gli occhi gonfi di lacrime ad alcuni clienti e al presidente della Municipalità, Ivo Poggiani, anche lui scosso per l'accaduto.

Correlati:

Commenti