Juventus-Inter, Allegri: "Nerazzurri da scudetto. Dybala ha caratteristiche importanti"

Inter Gagliardini

Nei passati giorni Beppe Marotta, amministratore delegato e direttore generale bianconero, ha parlato proprio del futuro dell'allenatore toscano.

Scorrendo le statistiche, la Juventus è l'unica squadra di serie A che finora non ha mai pareggiato. Sarà interessante vedere se Allegri deciderà di puntare ancora sul 4-2-3-1 o deciderà di tornare al passato: tattica a parte, sono convinto che la Juve sia superiore. "Può darsi che venga in ritiro comunque".

Ultime gare stimolo per vincere? . Il tecnico della Juventus chiede la massima concentrazione per estendere il filotto positivo: "Abbiamo una settimana con due trasferte con punti importanti". La partita dell'andata è stata una partita strana con delle disattenzioni sui gol.

Andrea Tabacco: "Vedo favorita la Juventus, senza 'se' e senza 'ma', con l'Inter che potrebbe anche subire psicologicamente l'eliminazione dalla Coppa Italia contro la Lazio". "Ho un rapporto ottimo con la società, un anno e mezzo di contratto, ma la priorità adesso è vincere o creare i presupposti per farlo". Fino al meno nove attuale e alla prospettiva di giocare a viso aperto la partitissima di Torino. Lui sta rientrando in condizione, è sempre sotto osservazione. In fase di mercato c'è stato solo un po' di 'casotto'. In campionato ha fatto bene, in lista Champions è rimasto fuori ma purtroppo è un casino con la lista, perché ora è rimasto fuori Hernanes e non è semplice ma bisogna fare delle scelte. Marchisio è disponibile, sta meglio.

Una delle sfide più attese del campionato di serie A, Juvensus - Inter, si avvicina, ecco le possibili formazioni. "Lui non si rende conto di giocare da regista davanti alla difesa". Pioli ha tutti e 24 i giocatori della rosa. "L'importante è che quando occorre difendere lo si faccia tutti insieme, con equilibrio".

"La Juve in questo momento è equilibrata". Voglio ringraziare Evra per quanto ha dato e per la sua esperienza che ha portato qui e con cui ha fatto crescere i giovani. "Sarà una partita all'altezza del potenziale delle due squadre".

Altrimenti ci sarà ancora una volta da fermarsi un giro e ritirare i dadi.

"I cambi vengono fatti quando la squadra ha bisogno, così che chi sta in panchina può essere pronto per la prossima".

Allegri non si accontenta, vuole di più.

Chiude, infine, un'altra partita di cartello: allo Stadio Olimpico, martedì, a partire dalle 20:45, Roma e Fiorentina si daranno battaglia, dopo aver smaltito le fatiche del turno infrasettimanale.

Correlati:

Commenti


Altre notizie