Pop. Vicenza: sì a azione responsabilità

Bpvi, dai soci ok all'azione di responsabilità contro gli ex vertici. Viola: o si cambia o si rischia di morire

Chissà se saranno della stessa opinione le centinaia e centinaia di azionisti che hanno perso i loro risparmi, magari frutto di una vita di sacrifici.

L'ad Fabrizio Viola, alla sua prima uscita ufficiale dopo l'apparizione di lunedì pomeriggio alla lectio per i 150 di storia della banca, ascolta tutto in silenzio e prima della chiusura dei lavori si prende 15 minuti di tempo per dire poche ma chiare cose: "O si cambia o si muore". La richiesta di danni verso la vecchia società è una decisione importante che potrebbe avere risvolti positivi per il futuro della banca berica, lo ha ribadito anche il nuovo amministratore delegato Fabrizio Viola ricordando la "precedente esperienza" di Mps quando con l'azione di responsabilità sono stati recuperati 650 milioni di euro.

(AdnKronos) - 'Ritengo in tutta coscienza di avere operato in tutti questi anni con dedizione, correttezza e onesta nell'interesse della Banca e della comunita di cui questa Banca e stata per anni motore economico e sociale, con la distribuzione ai soci per 17 anni consecutivi sotto la mia Presidenza di consistenti utili conseguenti alla gestione profittevole. "E' abbastanza chiaro oggi, ma lo era anche prima, che restaurare il clima di fiducia è un passaggio fondamentale".

Molto teso il dibattito, interrotto spesso da fischi, all'assemblea della Popolare di Vicenza, dove si sta discutendo sull'azione di responsabilità contro gli ex vertici, a partire da Gianni Zonin. "Allorche' si parla di ogni iniziativa opportuna anche in via di revalsa o regresso - aveva chiesto De Nicola in assemblea - chiederei che venisse inclusa anche la dicitura 'ogni azione cautelare o revocatoria'". "Ho piena fiducia nel lavoro della magistratura e spero nell'interesse dei risparmiatori, degli indagati e delle comunità coinvolte che si faccia definitiva chiarezza su quanto accaduto a Banca Popolare di Vicenza da parte chi può meglio ricostruire quanto è avvenuto nei mesi successivi alle mie dimissioni", conclude Zonin.

Correlati:

Commenti