Ricercatrice italiana trovata morta a Cambridge: cosa è accaduto a Simona Baronchelli?

Simona Baronchelli

La morte risale a mercoledi' scorso e il corpo e' stato ritrovato dopo che i colleghi della ricercatrice hanno lanciato l'allarme non vedendola arrivare al convegno.

Proprio per queste ore è fissata l'autopsia che chiarirà perché la ricercatrice brianzola è stata trovata senza vita nella sua stanza d'albergo.

La 32enne aveva studiato Biotecnologie mediche all'Università Bicocca di Milano, dove aveva successivamente conseguito un dottorato di ricerca. Era un'attivista di Emergency e una bravissima ricercatrice, innamorata del suo lavoro. "E spero che i patologi mi diano ragione", ha concluso il padre.

"Mia figlia aveva delle allergie importanti sin da piccola, le gestiva benissimo - aggiunge il padre - Ho il timore, però, che possa aver mangiato o respirato qualcosa che contenesse una sostanza fatale per lei". La donna, borsista per il CNR, si trovava lì per partecipare al workshop Stem Cell Culture. Simona non aveva nemici ... "Lascia un vuoto incolmabile, considerando la sua competenza, il suo entusiasmo e la sua dedizione alla scienza che l'avevano vista coinvolta in diversi progetti di ricerca - affermano -". La sera prima, era stato prenotato un taxi per la mattina successiva che non è mai stato preso. La polizia britannica ha riferito di non aver trovato nessun segno di violenza sul corpo della giovane donna, ma il medico legale ha comunque deciso di disporre l'esame autoptico. Dopo varie ipotesi, i colleghi e la responsabile hanno contattato l'albergo, ma senza riuscire ad avere informazioni. "Persona umile e di gran cuore, interessata a diversi progetti umanitari collaborando con Emergency" - Affermano i colleghi di Simona.

Correlati:

Commenti


Altre notizie