Facebook, Zuckerberg indagato dalla procura di Monaco

Facebook, Mark Zuckerberg indagato in Germania

Quello attuale dal punto di vista giudiziario sembra essere un momento difficile per il colosso americano Facebook, società dell'omonimo social network, e per il fondatore Mark Zuckerberg.

Una teoria che apre una questione piuttosto complessa e delicata, che va in qualche modo a svalutare la direttiva UE e la Legge 70 del 2003, secondo cui gli hosting provider non sono tenuti ad effettuare alcun controllo sui contenuti da diffondere in rete.

Facebook nell'occhio del ciclone, in Germania infatti il Ceo e il quadro dirigenziale del social con sede a Menlo Park sono indagati per non aver rimosso contenuti che istigavano all'odio razziale e negavano l'olocausto. "Accogliamo questa decisione perché chiarisce che gli hosting providers non sono tenuti al monitoraggio proattivo dei contenuti". O, ancora peggio e per usare un eufemismo, per la poca prontezza mentale dei controllori fisici. Una celeberrima foto scattata durante la guerra del Vietnam scambiata per contenuto pornografico e censurata più volte in poche ore anche dopo il diluvio di proteste scatenate da Aftenpostes il principale quotidiano scandinavo che, dopo averla pubblicata, si è visto bannare l'account. In una sua recente visita, lo stesso Zuckerberg ha affrontato l'argomento.

Facebook, Mark Zuckerberg indagato in Germania

L'indagine e' stata innescata dalla denuncia di un avvocato di Wuerzburg, Chan-jo Jun, che accusa Facebook di aver omesso di rimuovere "istigazioni all'omicidio, minacce di violenza, negazioni dell'olocausto e altri crimini" nonostante fossero stati debitamente segnalati.

Ad ogni modo, l'intervento del Tribunale pare aver smosso la coscienza di Facebook, che pur si dice disposta a salvaguardare la privacy dei propri utenti, nel rispetto dei parametri legislativi imposti a favore del blocco sui controlli proattivi dei profili utente e dei contenuti.

In Italia, intanto, Facebook Inc. si trova a fronteggiare una situazione piuttosto annosa, dovuta ad un clamoroso episodio che ha portato, in ultimo, al suicidio di una donna napoletana.

Correlati:

Commenti


Altre notizie