Ragazza italiana trovata morta a Mosca

E’ mistero sulle cause della morte della 25enne

La ragazza è stata trovata senza vita ieri, nel dormitorio dell'Università statale per gli Studi Umanistici di Mosca, dove si trovava per il dottorato. A rinvenire il corpo è stata la polizia russa che, dietro segnalazione, ha sfondato la porta della stanza, che era chiusa a chiave. Apprezzamento condiviso anche dai colleghi russi della dottoranda, che, nelle ultime ore, hanno sfogato su Facebook lo sgomento per una notizia tanto grave e inaspettata: "È successo l'impossibile - ha scritto Aleksandra Arkhipova, che insegna alla RGGU - è morta la nostra meravigliosa Giorgia Bernardele". Dopo aver frequentato la Galileiana, indirizzo di Scienze morali, la ragazza era comunque rimasta impegnata nell'associazione che raggruppa gli ex studenti della scuola di studi superiori. I genitori, residenti a Sarcedo in provincia di Vicenza, sono stati avvisati del decesso lunedì sera e sono in viaggio per Mosca.

Inoltre aveva vinto un premio per la tesi di laurea in Lingue e Letterature europee ed americane. In seguito aveva deciso di continuare la sua carriera universitaria sempre a Padova come dottoranda al Dipartimento di studi linguistici e letterari. Sono però sconosciuti, al momento, i motivi della sua morte. La sua passione, anche come ambito di ricerca, era la Russia e per questa ragione si trovava attualmente a Mosca. Era una ragazza brillante, interessante, di grande talento. Dicono sia morta nel sonno. "Non so altro, ma mentre scrivo accora non ci credo".

Correlati:

Commenti


Altre notizie