Mariottide, Maccio Capatonda e la sit-com scema scema in modo assurdo

Maccio Capatonda “rispolvera” Mariottide

Grazie alla sua forza d'animo riesce a trovare ogni giorno la forza per andare avanti con ottimismo. Il 30 novembre, alle 16 al Cinema Astra, i due attori e comici si danno appuntamento con il pubblico di Lucca per un atipico incontro: una Masterclass post-modesta, così come amerebbe definirla Mariottide, il protagonista dell'omonima sitcom diretta e interpretata da Capatonda, in anteprima esclusiva su Infinity dal 26 ottobre.

"Ma non è che siamo poveri?" si chiede Fernandello, 35enne un po' scemotto adottato dal plurirattristato Mariottide, il cantautore fallito col volto di Marcello Macchia, al secolo Maccio Capatonda. Il personaggio è nato 10 anni fa per la trasmissione televisiva "Mai dire lunedì", come cantante triste e da allora ha fatto molta strada. "Attraverso il suo filtro, con la sua tristezza estrema si racconta la società di oggi con leggerezza, perché il personaggio è triste, povero, sfigato ma in un certo senso commovente". Dedicata ad uno dei suoi personaggi più noti e riusciti, la serie è il primo esempio di sitcom prodotta direttamente per il servizio di streaming, e racconterà la vita del cantante squattrinato e depresso incarnato dallo stesso Maccio, e dei suoi tentativi di nascondere la loro povertà a Fernandello (Herbert Ballerina, alias Luigi Luciano), figlio da lui trovato già cresciuto in un cassonetto e dotato di un'intelligenza decisamente sotto la media. "Sino a questa sitcom che ho creato traendo ispirazione anche da celebri realizzatori di serie comiche americane".

Adesso, è pronto a sbarcare su Infinity con un cast d'eccezione che potrà vantare, tra i vari ospiti speciali e protagonisti Ale e Franz, Ivo Avido, Daniele Battaglia, Biggio, Raul Cremona, Marco Donadoni, Nino Frassica, Jake La Furia, Francesco Mandelli, Federico Russo, Giuliano Sangiorni, Tony Sperandeo e Barbara Tabita.

Correlati:

Commenti


Altre notizie