Piazza Affari parte con il rosso: male MPS e Unicredit

Borsa: Europa si indebolisce, Milano in ribsso dello 0,15%

L'Ftse 100 di Londra avanza dello 0,08% a 6.905 punti, il Cac 40 di Parigi lima uno 0,02% a 4.448 punti, l'Ftse Mib di Milano perde lo 0,23% a 16.358 punti, l'Ibex di Madrid scende dello 0,40% a 8.744 punti.

Milano peggiore in Europa con Mps, scivola anche Unicredit. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,62% a 18.281 punti.

Prevale la cautela sull'Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,21%. Dopo la faticosa sessione di lunedì, oggi la Borsa Italiana è trainata da Exor a + 1,82% e da Azimut Holding in rialzo dell'1,61% - Azimut ha trainato Piazza Affari anche nella sessione di lunedì. Spicca l'ottima performance messa a segno da Fujitsu (+5,67%), in scia alle voci di interesse di Lenovo per la divisione PC dell'azienda giapponese.

Focus sui bancari. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, l'Italia sarebbe l'anello debole del sistema bancario europeo; con circa 360 miliardi di euro di Non-performing loan il nostro paese avrebbe più di un terzo dell'intero stock di sofferenze di tutta l'eurozona. Tentenna UBI Banca, con un modesto ribasso dello 0,88%, nonostante il rialzo de target price deciso da Mediobanca a 3,3 euro con raccomandazione "neutral". Bene anche le assicurazioni con Generali e Unipol in rialzo rispettivamente del 4,17% a 11,23 euro e del 3,55% a 2,39 euro. Piccolo passo in avanti dello spread, che raggiunge quota 133 punti base, mostrando un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all'1,21%. Oggi la società bergamasca ha fatto il suo ingresso nel paniere del FTSEMib, prendendo il posto di Italcementi.

Correlati:

Commenti


Altre notizie