F1: Gp Malesia, pole di Hamilton

Classifica e tempi delle qualifiche del GP di Malesia 2016

Altra domenica da dimenticare per le Ferrari: Vettel ha finito la sua gara alla prima curva con un attacco incauto compromettendo anche il gp di Rosberg.

Abbiamo avuto un po' di fortuna, senza il problema di Hamilton non avremmo vinto. Il pilota della Red Bull prima l'ha stretto e poi ha riallargato la traiettoria. Diciamo che a Maranello si dovrà lavorare a testa bassa sulla macchina del 2017: senza, però, fare proclami troppo audaci com'è accaduto nel gennaio scorso. Sul podio costringe tutti a bere champagne dalla sua scarpa. Spente in breve le fiamme, mentre lo svedese schizzava fuori dall'abitacolo, i meccanici sono poi riusciti a rimettere in pista la monoposto che ha partecipato alla seconda sessione di libere, con il diciannovesimo tempo. Oggi è una giornata piuttosto travolgente: "ora voglio festeggiare!"

Giro 53: Ricciardo intanto sembra amministrare su Verstappen. Il "povero" Rosberg, partito al fianco di Hamilton in prima fila, è finito in testacoda dovendo ripartire dal fondo del gruppo. I danni sulla sua SF16-H sono irreparabili: sospensione anteriore sinistra rotta e gara finita. Impatto inevitabile, un peccato per me e per Nico, è stata una reazione a catena.

Hamilton, in fumo i sogni di gloria. Soprattutto una scuderia che ha dato prova di sapere imparare dai proprio errori e di saper rimediare agli stessi in tempi brevissimi. La Mercedes accusa Vettel. Tuttavia, quando Max rientra ai box per la seconda sosta è convinto di superare il compagno di squadra Ricciardo avendo gomme più fresche. Un successo che premia il lavoro di un team che ha saputo rinnovarsi e innovarsi nella scelta del piloti dopo l'era Vettel. Vi ricordo che i voti delle pagelline sono soggettivi e se volete dire la vostra, dare qualche voto in più o in meno ai protagonisti di questo weekend, vi invito a commentare sotto l'articolo o sulla pagina facebook di MotorBox (educatamente, in entrambi i casi) così che possiamo discuterne insieme! Ma a 15 giri dalla fine il motore Mercedes è esploso in rettilineo.

Rosberg, leader del mondiale. "Ma sono riuscito a reagire e tornare sul podio, è stato grandioso. E' un buon momento, adesso attaccherò al massimo". Terzo gradino per Rosberg dopo una spettacolare rimonta che nella corsa al mondiale lo porta a 23 punti di vantaggio sul compagno di squadra e campione del mondo in carica Hamilton.

Medaglia di legno per Raikkonen.

Senza la pressione di Vettel e Rosberg le Red Bull tentano il tutto per tutto per sfruttare l'occasione, preparando un'ottima strategia dei pit stop. Bottas - Williams Mercedes 6.

Bene invece la Force India. Hulkenberg - Force India Mercedes 9. Ericsson - Sauber Ferrari 13.

Correlati:

Commenti


Altre notizie