In un quadro di Mantegna i sintomi della neurofibromatosi

Neurofibromatosi

Stando a quanto emerso dallo studio in questione pare che Andrea Mantegna dipinse i sintomi della neurofibromatosi oltre 80 anni prima che la malattia venisse ufficialmente scoperta. In particolare nel quadro prodotto tra il 1465 e il 1474 vengono ritratti con grande precisione i tratti dei volti non soltanto della famiglia Gonzaga ma anche della fantesca. La ricercatrice ha appena pubblicato i risultati del suo lavoro sulla rivista inglese "The Lancet Neurology".

La fantesca dipinta da Mantega (vedi foto sopra) mostra tutti i sintomi: cinque neurofibromi sul viso - tumori dei nervi periferici che si presentano sotto forma di lesioni cutanee -, un altro sul dorso della mano destra; almeno cinque macchie caffè-latte sulle guance e sul mento, svariati noduli di Lish nell'iride destra e sinistra, nonchè un marcata riduzione della statura sconfinante nel nanismo ipofisario.

Una malattia neurocutanea ereditaria in grado di favorire l'insorgenza di tumori, sia benigni che maligni.

La neurofibromatosi tipo 1 (NF1), anche nota come malattia di Von Recklinghausen, venne descritta dal medico e naturalista bolognese Ulisse Aldrovandi nel 1592.

La scoperta è stata fatta da Raffaella Bianucci, antropologa e paleopatologa del Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche dell'ateneo torinese. "Le rappresentazioni artistiche permettono agli studenti di medicina di sviluppare in ambiente 'protetto' le proprie capacita' di osservazione, descrizione e interpretazione, capacita' che saranno loro necessarie nello svolgimento della professione".

Correlati:

Commenti


Altre notizie