ROMA. Lorenzin, "via libera definitivo a nuove cure garantite"

Vaccinazioni, endometriosi, autismo, cure palliative, medicina nucleare: via libera ai nuovi Lea (Livelli essenziali di assistenza)

"Abbiamo raggiunto l'intesa sul provvedimento presentato dal governo sui nuovi Livelli essenziali di assistenza, ma la stima del ministero di 800 milioni di euro di nuovi costi a carico dei sistema sanitario nazionale risulta pressoché la metà di quanto necessario alle Regioni per fare fronte ai nuovi bisogni": lo ha dichiarato la vicepresidente e assessore regionale alla Salute e alle Politiche sociosanitarie Sonia Viale che ieri mattina a Roma ha partecipato alla riunione della Conferenza delle Regioni sui nuovi Lea - Livelli essenziali di assistenza. I nuovi Lea, dopo il previsto passaggio in parlamento e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, ha detto Lorenzin, saranno operativi e dunque disponibili per i cittadini "entro l'anno". Inoltre, ha precisato, "ci sarà un meccanismo di aggiornamento e le regioni potranno aumentare le risorse; ovviamente si risparmierà da altre parti per reinvestire nel Servizio sanitario, come sta accadendo già con le centrali uniche di acquisto". Venturi ha poi ricordato il lungo percorso che ha portato ai nuovi Lea, "con un lavoro che ha coinvolto centinaia di professionisti: il loro impegno e il contributo che hanno portato al confronto è stato ricco e sempre di livello alto". Lorenzin, al riguardo, garantisce di essere pronta "a mettersi l'armatura per difendere l'aumento del Fsn dai 111 miliardi del 2016 ai 113 del 2017". Nei Lea aggiornati entra anche il trattamento dell'AUTISMO: il documento recepisce infatti integralmente la legge 134 del 2015, che prevede diagnosi precoce, cura e trattamento individualizzato, integrazione nella vita sociale e sostegno per le famiglie. Viene rivisto anche l'elenco delle MALATTIE CRONICHE e invalidanti, con l'introduzione di 6 patologie esenti da ticket, tra cui Broncopneumopatia ostruttiva, sindrome da talidomide, rene policistico. Molto si investe anche in prevenzione con il recepimento del nuovo Piano Vaccinale che introduce NUOVI VACCINI, come l'anti Pneumococco, l'anti Meningococco e l'anti Varicella, ed estende quello per il Papillomavirus anche agli adolescenti maschi. Il testo aggiorna pure il NOMENCLATORE DELLA SPECIALISTICA AMBULATORIALE, fermo al 1996, introducendo, ad esempio, le prestazioni per la procreazione medicalmente assistita, sia omologa che eterologa, finora erogate in regime di ricovero ospedaliero.

La Commissione Nazionale, le cui attività di valutazione tecnico-scientifica ed aggiornamento sono previste nella suddetta Legge e nella proposta di intesa, dovrà preliminarmente effettuare il delisting delle prestazioni obsolete e le precisazioni al fine di mantenere la compatibilità tra le risorse necessarie e le prestazioni da erogare in maniera omogenea sul territorio nazionale.

Correlati:

Commenti


Altre notizie