Tutto vero, Hart al Torino

Torino primo allenamento in granata per Hart

La soluzione sarebbe l'intervento della società araba del City, che pare disposta a pagare più del 50% dello stipendio del portiere. Un colpo sicuramente d'effetto per un club con ambizioni europee, soprattutto dopo la larga vittoria sul Bologna.

Il portiere starebbe già programmando un volo privato per giungere a Torino e svolgere le visite mediche di rito.

L'arrivo di Hart apre un nuovo fronte nel club granata: quello della possibile cessione di Daniele Padelli, che potrebbe non accettare di essere retrocesso a secondo portiere. Entusiasta, il portiere, per il trasferimento in granata. L'offerta del Torino e' arrivata al momento giusto, con il modo giusto. "Sono molto felice di potermi confrontare in un campionato bello e difficile come la Serie A". Questo il benvenuto del presidente: "Joe Hart è un portiere di livello internazionale, con un'esperienza notevole maturata sia con il Manchester City, sia con la Nazionale inglese in cui tra l'altro ha esordito giovanissimo, a 21 anni". Ho letto che il Torino vuole giocatore umili e ambiziosi, mi piace, io lo sono. Una scelta di cuore in un calciomercato fatto troppo spesso solo di soldi.

Ha scelto una squadra dove sarà lontano dai riflettori inglesi visto che non giocherà le coppe ma che al tempo stesso ha le potenzialità per arrivarci: Belotti, Ljajic, Iago Falque, Baselli e lo stesso Hart.

Correlati:

Commenti


Altre notizie