Rossi sfida Marquez: "7 gare al massimo e poi faremo i conti"

GP Gran Bretagna, la conferenza stampa dei piloti

Giornata di conferenza stampa in Gran Bretagna.

Marquez cercherà di tenere saldo il suo vantaggio sui rivali Rossi e Lorenzo, che a loro volta invece tenteranno di accorciare le distanze.

Marc Marquez: "Mi trovo bene sulla moto e spero di fare ben fin da subito. Ogni stagione va da sé.". Nel 2010 non c'ero per l'infortunio, poi quando ero alla Ducati non ero veloce. Lo scorso anno, in Inghilterra, abbiamo visto un podio tutto italiano, con Valentino Rossi sul gradino più alto, seguito da Petrucci e Dovizioso. Abbiamo il potenziale, ma purtroppo non abbiamo abbastanza punti.

"In passato ho avuto qualche difficoltà qui perché è una pista strana, molto larga, e decisamente più adatta alle Formula 1 che non alle moto. Dobbiamo lavorare per migliorare la confidenza con l'anteriore, soprattutto in condizioni di bagnato". Poi le cose, di stagione in stagione, sono migliorate fino allo scorso anno. "Io spero nel bagnato perché non sai quello che può succedere e sicuramente per noi potrebbe essere un'ottima condizione". "Mi sento più competitivo però anche sull'asciutto, gara dopo gara ho sempre maggior confidenza e nella mia testa mi sento più veloce".

Cal Crutchlow: "Sono tornato a casa per cambiare i pannolini a Willow (ride ndr)". Non sono un grande fan di questo tracciato, ma è sempre un appuntamento speciale e speriamo di andare bene anche qui. Cercheremo di dare il massimo in qualsiasi condizioni climatiche. Ma Silverstone non è una pista che gli è congeniale.

Si conclude il giro di domande con Eugene Laverty, che ha chiuso il weekend ceco con una bella sesta posizione finale. Recupero? Nel 2006 era una situazione simile ma quest'anno sarà molto difficile recuperare Marc Marquez. "È stato bello chiudere la gara di Brno a pochi secondi dietro ai top rider". "La moto in questo momento è competitiva e speriamo di ottenere di nuovo un buon risultato".

Correlati:

Commenti


Altre notizie