Libero nel nome: il documentario su Libero Grassi di Taodue

Alessio Vassallo

Un uomo capace di non scendere a compromessi col potere criminale, che non si tirò mai indietro di fronte a minacce e omertosi silenzi, sino alla morte.

Inoltre Io sono libero e Libero nel nome ricordano come sia stato sentito il sacrificio dell'imprenditore che è diventato un vero e proprio simbolo della lotta alla mafia. "Oggi sarebbe affiancato da molti colleghi che in questi anni, con l'ausilio del movimento antiracket, si sono finalmente liberati da ogni forma di taglieggiamento, oltre che da migliaia di cittadini pronti a sostenere la sua scelta", osserva il Comitato di Addiopizzo che invita i cittadini e le istituzioni a partecipare alle giornate di commemorazione del 28 e 29 agosto, che si articoleranno in vari appuntamenti, uno dei quali dedicato anche alla memoria della vedova di Libero, Pina Maisano Grassi, scomparsa lo scorso giugno. Nato a Catania nel 1924 in una famiglia antifascista e trasferitosi a Palermo, Libero Grassi prosegue l'attività commerciale del padre, arrivando ad aprire negli anni cinquanta uno stabilimento tessile nel capoluogo siciliano. La storia di Libero Grassi è entrata nelle scuole italiane per parlare alla coscienza degli studenti e degli insegnanti, per spiegare come quella ribellione che lui ha compiuto individualmente avrebbe dovuto essere compiuta da tutti coloro che si trovavano nelle sue stesse condizioni. Ed è attraverso i suoi occhi che seguiremo la battaglia dell'imprenditore. Coprodotta da Rai Fiction e Aurora Tv di Giannandrea Pecorelli, la docufiction ripercorre, con immagini di repertorio, gli ultimi 8 mesi di vita di Grassi, dal 10 gennaio 1991, giorno di pubblicazione della lettera al Caro estorsore, all'uccisione. Ecco le parole di Alice Grassi, imprenditore ucciso dalla mafia. Abbiamo scelto di raccontare questa storia attraverso una docufiction per non dimenticare che i fatti raccontati sono veramente accaduti, per rimanere ancorati alla realtà. La storia di Libero ci ha travolto.

Correlati:

Commenti


Altre notizie