Italia aumenta il costo del 4G e l'Aduc denuncia H3G all'AGCOM

3 Italia 4G

Niente di male: ogni operatore legittimamente decide la strategia commerciale che preferisce.

L'escamotage individuato dalla società per eludere l'applicazione delle norme a tutela del consumatore consisterebbe nell'attivare gratuitamente il servizio 4G LTE, senza chiedere al cliente alcun consenso all'attivazione gratuita, per poi comunicarne la variazione a pagamento.

Nei giorni scorsi vi avevamo spiegato come sia possibile prenotare la disattivazione gratuita dell'opzione 4G LTE mediante l'invio entro il 22 agosto (meno di un mese di preavviso, quindi) di un SMS scrivendo NO al numero 4139.

"Variazione contrattuale dell'opzione 4G LTE: dal 29/8 il costo dell'opzione diventa 1 € mese". Chi tempo fa ha sottoscritto TOP Unlimited Plus oppure Free Unlimited Plus potrà rescindere senza penali?

Non di modifica contrattuale si tratta, quindi, a nostro avviso ma di attivazione di servizio non richiesto, pratica commerciale scorretta e aggressiva che viola il Codice del Consumo.

- l'eventuale disabilitazione della navigazione 4G LTE nelle impostazioni dello smartphone o tablet non determina la disattivazione dell'opzione 4G LTE.

In sintesi. Per quale motivo correggere un vecchio contratto non più attivabile, trasformando l'LTE da elemento contrattuale a opzione? Qualora l'opzione non sia disattivata, questa verrà addebitata e rinnovata ogni 30 giorni. "Il servizio viene infatti attivato anche a chi non ha un telefonino che può usufruire di questa tecnologia e quindi non avrebbe alcun interesse a richiederne l'attivazione e, soprattutto, non ha mai ricevuto comunicazione da parte di H3G nemmeno dell'attivazione inizialmente gratuita", si legge in una nota. Comunicando il proprio esposto all'Agcom, l'Aduc suggerisce inoltre ai clienti di inviare, via PEC o a mezzo raccomandata A/R una lettera di diffida, oltre adu una segnalazione all'Antitrust.

L'ADUC, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, ha infatti deciso di inoltrare regolare denuncia aall'AGCM definendo la variazione dell'opzione 4G LTE di 3 Italia, una pratica scorretta "affinché aprano un procedimento contro H3G chiedendo - soprattutto - di emanare un provvedimento cautelare di sospensione immediata dell'attivazione a pagamento dell'opzione 4G LTE" ed indicando presunte, diverse, inottemperanze rispetto alle vigenti normative presenti in Italia, da parte dell'operatore telefonico. Tutto questo, secondo l'associazione dei consumatori, rappresenta una pratica commerciale scorretta "molto simile a quelle già oggetto dei procedimenti PS/10186 (Vodafone Exclusive), conclusosi con provvedimento di condanna, PS/10397 (Tim Prime), attualmente pendente innanzi a codesta Autorità e PS/10422 (Wind All Inclusive Maxi)".

Abbiamo condiviso ogni perplessità con 3 Italia e siamo in attesa di risposta.

Correlati:

Commenti


Altre notizie